Basato su prove

Il CBD e il disturbo ossessivo compulsivo: ricerca e conoscenze attuali

Il disturbo ossessivo compulsivo (DOC) è una sottocategoria dell’ansia. In molti casi può essere debilitante. Ecco come il CBD può essere usato per alleviare i sintomi del DOC.

Scritto da
Justin Cooke , pubblicato 1 settimana fa

Secondo l’Associazione Americana di Ansia e Depressione, circa l’1,2% della popolazione americana presenta un disturbo ossessivo compulsivo clinico (DOC).

Il DOC è una sottocategoria dell’ansia, che si pensa colpisca fino al 29% delle persone in un dato momento della loro vita [2].
I trattamenti convenzionali per questi disturbi sono medicinali farmaceutici.

Questi farmaci spesso migliorano i sintomi, ma raramente curano la causa sottostante del disturbo. Inoltre, spesso producono altri effetti collaterali indesiderati. Alcuni addirittura comportano un alto rischio di sviluppo di dipendenza e possono anche peggiorare gli effetti collaterali del DOC e dell’ansia.

Il CBD è un integratore alimentare popolare apprezzato per le sue potenti proprietà ansiolitiche, oltre che per gli altri benefici sulla salute. Questi effetti lo rendono efficace anche per il trattamento dei sintomi dell’ansia specifici del DOC.

Vedremo in che modo si può usare il CBD per alleviare i sintomi tipici del disturbo ossessivo compulsivo, quale dose assumere e che altro si può fare per massimizzarne i benefici.

  • Indice

Riepilogo: usare il CBD per il DOC

Il DOC è clinicamente classificato come un disturbo d’ansia.

Non ci sono molte ricerche riguardanti il livello di efficacia del CBD per il disturbo ossessivo compulsivo; tuttavia, ci sono altri studi che suggeriscono chiaramente i potenziali benefici per l’ansia nel complesso.

Esistono dei meccanismi attraverso cui il CBD allevia i sintomi dell’ansia, molti dei quali possono essere collegati al disturbo del DOC:

Effetti rilevanti del CBD sui disturbi d’ansia, incluso il DOC

  • Riduce l’infiammazione
  • Protegge il sistema nervoso da danneggiamenti
  • Allevia il dolore
  • Rilassa le tensioni muscolari
  • Regola l’umore
  • Allevia la nausea
  • Offre supporto antiossidante
  • Riduce i livelli di stress
  • Migliora l’appetito
  • Favorisce il sonno
dailyCBD-patologia-DOC-1

Consigli per l’utilizzo efficace del CBD per i sintomi del DOC:

  1. Scegli un estratto a spettro completo contenente altri cannabinoidi come THC, CBC e CBG
  2. Utilizza prodotti al CBD per uso orale (evita di fumare)
  3. Associa l’uso del CBD ai cambiamenti della dieta e dello stile di vita che riducono i sintomi del DOC
  4. Cerca la supervisione del medico (soprattutto se assumi altri farmaci)

Cos’è il DOC?

Il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) è un disturbo d’ansia che implica pensieri e ossessioni frequenti e ricorrenti. Spinge frequentemente le persone a sviluppare forti impulsi e fare cose ripetutamente o compulsivamente, spesso chiamati tic.

Le ossessioni e gli impulsi delle persone colpite possono rendere impossibile una vita normale, peggiorando l’interazione sociale, causando maggiori difficoltà nei cambiamenti delle abitudini quotidiane e nella produttività.

Esempi di comportamento ossessivo-compulsivo probabilmente influenzato dal DOC:

  • Controllare le cose
  • Pulizia
  • Schiarirsi frequentemente la gola
  • Contare le cose più e più volte
  • Creare routine specifiche forzate
  • Costringere gli altri a seguire routine specifiche
  • Dipendenza dal gioco
  • Tirarsi i capelli (tricotillomania)
  • Lavarsi le mani
  • Accumulare cose
  • Tic nervosi (sbattere le palpebre, spasmi muscolari)
  • Ripetizione di parole o frasi
  • Dermatillomania (escoriazioni della pelle)

Cosa provoca il DOC?

La paura e l’ansia sono entrambe reazioni umane normali. Le usiamo per affrontare le minacce alla nostra sopravvivenza, come se ci trovassimo faccia a faccia con un animale affamato.

I sentimenti di paura e ansia sono pensati per essere di breve durata e appropriati per la situazione. Ciò significa che il livello di ansia e stress che sperimentiamo dovrebbe essere sufficiente a darci un vantaggio per uscire dal pericolo (ad esempio lottando con l’animale affamato o scappando) ma non troppo alto da farci bloccare dalla paura.

Una volta che il pericolo è passato e siamo di nuovo al sicuro, i sentimenti di ansia e stress dovrebbero diminuire.

La reazione dello stress può diventare disfunzionale in molti modi diversi, portando a disturbi d’ansia come il DOC.

Segni di una reazione dello stress disfunzionale

  1. La reazione da stress dura troppo a lungo
  2. L’intensità della reazione da stress è eccessiva per il livello di pericolo in questione
  3. La reazione da stress si attiva più spesso di quanto necessario

Con il passare del tempo, qualsiasi difficoltà con la reazione dello stress può portare a dei problemi. Ci riferiamo a queste condizioni come “scarso adattamento allo stress”: la capacità di adattarci e reagire agli stress non funziona più correttamente.

L’ansia è il termine generico per questa forma di disturbo neurologico, ma esistono molti disturbi diversi associati ad un adattamento disfunzionale allo stress, tra cui il disturbo ossessivo compulsivo.

Condizioni associate alla disfunzione dell’adattamento allo stress:

  • Disturbo d’ansia generale (GAD)
  • Disturbo d’ansia sociale (SAD)
  • Disturbo da panico (PD)
  • Disturbo post-traumatico da stress (DSPT)
  • DOC

L’importanza dell’adattamento allo stress

Ogni forma di vita sulla terra si trova di fronte a qualche forma di stress. Nel mondo naturale questo stress si è presentato di solito sotto forma di cambiamenti ambientali di temperatura, fame, e incontri con altri umani o animali.

La capacità di adattarci allo stress ci aiuta a gestire queste situazioni. Quando fa troppo freddo, la nostra risposta allo stress attiva il sistema metabolico per far salire la temperatura corporea.

Quando incontriamo un animale o un essere umano con cattive intenzioni, la risposta allo stress stimola i nostri livelli di energia per aiutarci a combattere o fuggire verso la salvezza.

dailyCBD-patologia-DOC-1

Nel mondo moderno, la stessa risposta allo stress viene attivata da fattori che non costituiscono una minaccia alla vita, talvolta nel corso di una stessa giornata. Se il nostro adattamento allo stress non funziona bene, iniziamo a sperimentare gli effetti collaterali debilitanti della reazione dello stress quando non ne abbiamo motivo.

Pensa per un momento alla rabbia al volante: questo è un primo esempio di reazione da stress che non ci serve. Quando qualcuno ci taglia la strada o siamo fermi nel traffico scattiamo. Anche se gli altri guidatori non ci sentono, urliamo o imprechiamo, senza cambiare in alcun modo la situazione.

Le persone che hanno forti riflessi di adattamento allo stress troveranno più facile evitare la rabbia al volante.

Fattori che possono portare a una disfunzione della reazione dello stress:

  • Uso di droghe medicinali o ricreative
  • Carenze nutrizionali
  • Fumo
  • Esposizione a metalli pesanti
  • Sindrome di Asperger
  • Disturbo dello spettro autistico
  • Disturbo da stress post-traumatico (DSPT)
  • Malattia di Huntington
  • Tossicodipendenze
  • Esperienze regolari di forte stress

Farmaci utilizzati per il DOC

  • Inibitori della ricaptazione della serotonina (Celexa, Lexapro, Prozac, Zoloft)
  • Inibitori della ricaptazione della serotonina-norepinefrina (Pristiq, Khedezla)
  • Benzodiazepine (Xanax, Klonopin, Librium)
  • Inibitori delle monoamino ossidasi (Marplan, Nardil, Emsam)
  • Antidepressivi triciclici (Amitriptilina, Doxepina)
  • Agonisti parziali dei recettori 5HT1A
  • Anticonvulsivi (Clonazepam)

Guida all’uso del CBD per il DOC

Nonostante non siano stati ancora pubblicati studi sugli effetti del CBD sulle persone affette da disturbo ossessivo compulsivo, sono state condotte numerose ricerche che hanno evidenziato i benefici del CBD su altre forme d’ansia.

In generale, i benefici del CBD su DOC e ansia nel complesso includono:

  • Regolazione dei livelli di serotonina per supportare l’umore
  • Miglioramento del sistema endocannabinoide per regolare l’attività del sistema nervoso centrale
  • Aumento dei livelli di GABA per produrre un effetto calmante sulla mente
  • Miglioramento degli effetti collaterali del DOC come l’insonnia e tensione muscolare

Molti degli studi condotti sugli effetti del CBD sull’ansia, hanno tracciato con successo alcuni dei processi biochimici specifici che si verificano per produrre questi benefici:

  1. Il CBD interagisce con il sistema endocannabinoide (recettori CB1 e CB2)
  2. Il CBD attiva i recettori vanilloidi del dolore (TRPV1)
  3. Il CBD attiva i recettori della serotonina (5HT1A)

Tutti questi sistemi specifici di recettori hanno dimostrato di essere coinvolti nella regolazione dei comportamenti associati alla paura e all’ansia [47].

Attraverso il sostegno della disfunzione della risposta allo stress possiamo alleviare la causa sottostante del DOC e di altri disturbi d’ansia.

L’effetto complessivo è quello di ridurre le reazioni da stress inappropriate (eccessive) e aiutare la reazione dello stress a terminare più velocemente dopo un episodio stressante.

Cosa dice la ricerca su CBD e DOC

Non c’è quasi nessuna ricerca che riguardi specificamente la relazione tra CBD e DOC. Tuttavia, sono state fatte tantissime ricerche eccellenti che sostengono l’uso del CBD per altri disturbi d’ansia.

dailyCBD-patologia-DOC-3

Uno studio pre-clinico del 2015, che indagava sul nuovo potenziale trattamento dei disturbi d’ansia con il CBD, ha concluso che:

Le prove pre-cliniche dimostrano in modo decisivo l’efficacia del CBD nella riduzione dei comportamenti ansiosi relativi a molteplici patologie, tra cui DSPT, GAD, PD, DOC e SAD, con un’assenza significativa di effetti ansiogeni“.

Anche se sarebbe necessaria una ricerca più specifica per esplorare l’uso del CBD per il DOC, le scoperte attuali sono promettenti. La complessità della condizione rende difficile per i ricercatori fare dichiarazioni conclusive sull’argomento. Il DOC si presenta spesso insieme ad altre condizioni mediche, complicando la diagnosi.

Iniziare ad assumere CBD per il DOC

Iniziare ad assumere CBD è facile: il primo passo è decidere il tipo di prodotto che vuoi, poi determinare quale dose è probabile che ti serva. Una volta che hai queste informazioni, tutto ciò che devi fare è trovare un prodotto che corrisponda a quella descrizione.

Puoi anche fare ulteriori ricerche dando uno sguardo alla nostra recensione di quel particolare prodotto per vedere se lo consigliamo o meno, e ottenere maggiori informazioni su come sono il prezzo, la potenza e la qualità in confronto a prodotti simili.

Step 1: valutare i diversi tipi di prodotti al CBD disponibili

Il CBD è il componente attivo di diversi tipi di prodotti.

Ci sono capsule, oli, tinture, prodotti commestibili e topici. Ognuno ha il suo insieme di aspetti positivi e negativi e non tutti sono adatti per ogni persona.

La scelta più comune, senza dubbio, è l’olio di CBD, ma anche le capsule e i prodotti commestibili sono eccellenti forme di CBD per le persone affette da DOC o altre forme di ansia.

L’olio di CBD si assume misurando la dose desiderata con il contagocce incorporato. Si può mettere l’olio sotto la lingua per un assorbimento più veloce, o ingoiarlo subito (entrambi i metodi agiscono assolutamente bene).

Le capsule e i prodotti commestibili rendono il dosaggio ancora più semplice perché sono disponibili in dosi specifiche pre-misurate. Lo svantaggio è che prodotti commestibili e capsule tendono ad essere un po’ più costose degli oli, ma le dosi sono le stesse.

Per ulteriori informazioni su come trovare i migliori prodotti al CBD, consulta alcune delle nostre guide:

Step 2: valuta il dosaggio iniziale ideale

Ognuno reagisce al CBD in modo diverso. Alcune persone necessitano di una dose minima, altre hanno bisogno di dosi molto alte; tutto dipende dai geni e da una serie specifica di sintomi.

Per questo motivo, non possiamo consigliare un’unica raccomandazione di dosaggio.

In generale, le persone che soffrono di DOC da lieve a moderato affermano che un dosaggio di media-bassa intensità è sufficiente ad alleviare i sintomi. Per un DOC più grave, è necessaria una dose ad alta intensità per offrire gli stessi benefici.

Usa la seguente tabella per trovare il tuo fabbisogno generale in base al peso e all’intensità desiderata. Ricorda che queste sono solo linee guida. Il dosaggio può variare molto da una persona all’altra, quindi inizia sempre con poco e aumenta gradualmente fino a raggiungere una dose più alta solo dopo aver capito che effetto ti fa personalmente.

Intensità consigliata per DOC: da bassa ad alta intensità

dailyCBD-patologia-DOC-4
Dosi giornaliere di CBD in base al peso e all’intensità (in mg)
Peso (kg)Bassa intensitàMedia intensitàAlta intensità

45 kg

10 mg

30 mg

60 mg

57 kg

13 mg

38 mg

75 mg

68 kg

15 mg

45 mg

90 mg

79 kg

17 mg

52 mg

105 mg

90 kg

20 mg

60 mg

120 mg

102 kg

22 mg

67 mg

135 mg

113 kg

25 mg

75 mg

150 mg

Step 3: prima di acquistare leggi le recensioni

Ora che hai deciso che tipo di prodotto desideri (oli di CBD, tinture, prodotti commestibili o capsule) e hai capito quali dosi probabilmente ti servono, è il momento di iniziare a fare shopping.

Non tutti i prodotti al CBD sono uguali e sul mercato esistono davvero molti oli di scarsa qualità.

Dai un’occhiata alle nostre recensioni per i prodotti e le aziende che ti interessano per vedere come il prezzo, la potenza e la qualità generale si confrontano con la concorrenza.

Verdetto finale: il CBD per il DOC

Non sono ancora stati condotti studi dedicati all’uso di CBD per il DOC, quindi non possiamo affermare con sicurezza se sia o meno d’aiuto; tuttavia, sono stati pubblicati molti studi eccellenti sul CBD per l’ansia. Poiché il DOC è una forma d’ansia che comporta molti degli stessi effetti collaterali e patologie scatenanti di altre forme, è altamente probabile che gli integratori di CBD possano migliorare i sintomi del DOC.

Per ottenere il massimo dai tuoi integratori, ti consigliamo di adottare misure aggiuntive per alleviare i sintomi, e di seguire i consigli del medico.

Se dovessi decidere di utilizzare il CBD per i sintomi del disturbo ossessivo compulsivo, assicurati di trovare un prodotto di alta qualità privo di contaminanti, poiché alcune sostanze (come pesticidi o metalli pesanti) possono peggiorare i sintomi.

Prima di procedere all’acquisto sfrutta le nostre recensioni per valutare l’azienda e assicurarti di non essere truffato, e di non acquistare prodotti contaminati o non efficaci.


Riferimenti

  1. Conelea, C. A., Walther, M. R., Freeman, J. B., Garcia, A. M., Sapyta, J., Khanna, M., & Franklin, M. (2014). Tic-related obsessive-compulsive disorder (OCD): phenomenology and treatment outcome in the Pediatric OCD Treatment Study II. Journal of the American Academy of Child & Adolescent Psychiatry, 53(12), 1308-1316.
  2. Kessler, R. C., Berglund, P., Demler, O., Jin, R., Merikangas, K. R., & Walters, E. E. (2005). Lifetime prevalence and age-of-onset distributions of DSM-IV disorders in the National Comorbidity Survey Replication. Archives of general psychiatry, 62(6), 593-602.
  3. Blessing, E. M., Steenkamp, M. M., Manzanares, J., & Marmar, C. R. (2015). Cannabidiol as a potential treatment for anxiety disorders. Neurotherapeutics, 12(4), 825-836.
  4. Izzo, A. A., Borrelli, F., Capasso, R., Di Marzo, V., & Mechoulam, R. (2009). Non-psychotropic plant cannabinoids: new therapeutic opportunities from an ancient herb. Trends in pharmacological sciences, 30(10), 515-527.
  5. Campos, A. C., Moreira, F. A., Gomes, F. V., Del Bel, E. A., & Guimaraes, F. S. (2012). Multiple mechanisms involved in the large-spectrum therapeutic potential of cannabidiol in psychiatric disorders. Phil. Trans. R. Soc. B, 367(1607), 3364-3378.
  6. Robson, P. J., Guy, G. W., & Di, V. M. (2014). Cannabinoids and schizophrenia: therapeutic prospects. Current pharmaceutical design, 20(13), 2194-2204.
  7. McPartland, J. M., Duncan, M., Di Marzo, V., & Pertwee, R. G. (2015). Are cannabidiol and Δ9‐tetrahydrocannabivarin negative modulators of the endocannabinoid system? A systematic review. British journal of pharmacology, 172(3), 737-753.

Patologie che rispondono al Cannabidiolo