Basato su prove

CBD e morbo di Parkinson: ricerca e conoscenze attuali

Il morbo di Parkinson è una malattia neurodegenerativa incurabile. Secondo gli studi, il CBD potrebbe dare sollievo dai sintomi del morbo di Parkinson e migliorare la qualità generale della vita delle persone che ne sono affette. Ecco come funziona.

Scritto da
Justin Cooke , pubblicato 1 settimana fa

Il morbo di Parkinson è la seconda malattia neurodegenerativa più diffusa, dopo il morbo di Alzheimer.

Questa malattia colpisce circa 10 milioni di persone in tutto il mondo – soprattutto gli uomini di età superiore ai 50 anni.

Il morbo di Parkinson causa tremori muscolari, rigidità, e problemi motori.

Sebbene non vi sia una cura per il morbo di Parkinson, la malattia può essere rallentata con attente modifiche alla dieta, alle abitudini di vita e con l’uso di farmaci e integratori.

Il CBD è popolare tra i malati di Parkinson. Offre diversi benefici, perché allevia le cause della malattia e diversi degli effetti collaterali più comuni.

Qui spiegheremo come il CBD può essere d’aiuto ai malati di Parkinson e cosa si può fare per ottenere il massimo dalla terapia a base di CBD.

  • Indice

In sintesi: come usare il CBD per il Parkinson

Non esiste una cura per il morbo di Parkinson – il trattamento ha lo scopo di rallentare la malattia ed è utile per alleviare i sintomi.

I malati di Parkinson usano integratori di CBD per alleviare sintomi come depressione, ansia, tremori muscolari e alcune delle altre complicazioni associate alla malattia.

dailyCBD-Patologia-Parkinson-1

Secondo alcuni studi, il CBD può essere utilizzato anche per rallentare la malattia e ha effetti benefici su  alcune condizioni che la causano, come la neuroinfiammazione e la regolazione della dopamina (in seguito andremo nel dettaglio).

I possibili vantaggi nell’utilizzare il CBD per il morbo di Parkinson:

  • Riduce la neuroinfiammazione – un fattore chiave del morbo di Parkinson
  • Allevia gli effetti collaterali – come tremori muscolari, depressione, insonnia e ansia
  • Migliora la produzione di dopamina – attraverso i recettori GPR6 nei gangli della base che potenziano la produzione di dopamina
  • Supporta la diversità del microbioma sano – negli ultimi anni sono aumentate le teorie secondo cui il microbioma è coinvolto nella malattia

Come ottenere il massimo dall’integratore al CBD per il morbo di Parkinson

  1. Scegli un estratto a spettro completo – altri cannabinoidi presenti nella pianta di cannabis offrono benefici che non riguardano questa malattia
  2. Scegli sempre un integratore al CBD biologico e di alta qualità – prodotti di scarsa qualità sono spesso contaminati da metalli pesanti, pesticidi o muffe che possono essere neurotossici
  3. Sii costante con il dosaggio – per vedere i primi benefici, possono volerci settimane
  4. Consulta sempre il tuo medico prima di assumere il CBD – alcuni farmaci possono inibire gli effetti dell’integratore

Cos’è il morbo di Parkinson?

Il morbo di Parkinson è una malattia neurodegenerativa che colpisce la parte del cervello responsabile della produzione di dopamina – un importante neurotrasmettitore associato all’umore, all’equilibrio ormonale e all’attenzione/concentrazione.

I sintomi di solito compaiono gradualmente nel corso degli anni, con il progredire della malattia. Si inizia con problemi muscolari-debolezza o spasmi muscolari. Ma col progredire della malattia si presentano sintomi non motori come allucinazioni, deliri e depressione.

Il morbo di Parkinson in sé non è considerato fatale – tuttavia, alcune delle complicazioni lo sono.

Nella maggior parte dei pazienti con MP si riscontra un’abbondanza di corpi di Lewy – ammassi di proteine all’interno dei neuroni che inibiscono il rilascio di dopamina nel cervello.

Quando questi corpi di Lewy diventano più abbondanti e si accumulano, uccidono i neuroni. Questa è anche una caratteristica di altri disturbi neurodegenerativi, tra cui il morbo di Alzheimer. La principale differenza è la posizione dei corpi di Lewy.

Nel caso del Parkinson, la maggior parte di questi gruppi di proteine ​​si trova nei gangli della base, in particolare nei neuroni di substantia nigra.

dailyCBD-Patologia-Parkinson-2

Sintomi del morbo di Parkinson

  • Tremori muscolari
  • Bradicinesia
  • Rigidità degli arti
  • Problemi di deambulazione e di equilibrio
  • Depressione
  • Scarsa attenzione o concentrazione
  • Cambiamenti dell’umore
  • Apatia
  • Costipazione
  • Disturbi del sonno
  • Perdita dell’olfatto
  • Compromissione cognitiva

Dopamina e morbo di Parkinson

La maggior parte dei sintomi associati al morbo di Parkinson sono causati da una perdita delle cellule che producono dopamina nel cervello.

Con una tale neurodegenerazione, diventa più difficile produrre la dopamina di cui ha bisogno il cervello per funzionare correttamente. Con una scarsa produzione di dopamina, sintomi come tremori muscolari, trisma, debolezza delle braccia e delle gambe e scarso equilibrio, diventano più frequenti.

Una perdita di dopamina comporta sintomi quali:

  • Cambiamenti dell’umore
  • Perdita del controllo muscolare
  • Cambiamenti ormonali
  • Scarsa libido
  • Difficoltà a concentrarsi
  • Depressione

Norepinefrina e morbo di Parkinson

L’epinefrina è strutturalmente simile alla dopamina ed è costruita attraverso percorsi simili alla dopamina. Pertanto, i livelli di epinefrina cambiano con il morbo di Parkinson [1].

Questo neurotrasmettitore è un fattore importante nel sistema nervoso simpatico. Se inizia a diminuire nel cervello, non possiamo più regolare le funzioni autonome, tra cui la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna.

Una perdita di norepinefrina è legata a sintomi quali:

  • Affaticamento
  • Cambiamenti nella pressione sanguigna
  • Problemi con la digestione
  • Scarsa concentrazione
  • Depressione

Quali sono le cause del morbo di Parkinson?

La causa del morbo di Parkinson è ancora sconosciuta – tuttavia, sappiamo che ci sono alcuni fattori che contribuiscono alla malattia nel tempo.

Stando ai primi studi, la malattia di Parkinson non era ereditaria, quindi non veniva trasmessa attraverso i geni [4]. Studi più recenti, tuttavia, hanno trovato almeno due varianti genetiche correlate al morbo di Parkinson [5] – geni LRRK2 e GBA.

Alcuni fattori associati, secondo gli studi, al morbo di Parkinson:

  1. Esposizione ai metalli pesanti
  2. Lesioni alla testa
  3. Fattori genetici
  4. Esposizione al paraquat (pesticidi)
  5. Sindrome dell’Intestino Gocciolante
  6. Scarsa diversità del microbioma
  7. Malattia mitocondriale
dailyCBD-Patologia-Parkinson-3

Le fasi del Morbo di Parkinson

Fase 1

Appaiono i primi sintomi, in modo lieve. Di solito non interferiscono con le attività quotidiane. I sintomi più comuni sono le alterazioni posturali, i tremori muscolari e cambiamenti nell’espressione facciale.

Fase 2

La fase due comporta un aggravamento dei sintomi scoperti nella fase uno e lo sviluppo di sintomi che influenzano il movimento. Diventa più difficile camminare normalmente, mantenere una corretta postura e le normali attività risultano più complicate. Di solito le persone nella seconda fase non richiedono assistenza esterna.

Fase 3

Questa fase è caratterizzata da problemi nel mantenimento dell’equilibrio e difficoltà con le attività quotidiane come mangiare, andare in bagno o vestirsi. Alcune persone nella terza fase possono aver bisogno di assistenza, mentre altre sono ancora indipendenti.

Fase 4

Dalla fase quattro, i sintomi diventano evidenti. Si riesce a stare in piedi, ma bisogna camminare con un deambulatore o con l’aiuto di un’altra persona. Le attività quotidiane come mangiare, fare il bagno e spostarsi richiedono assistenza. Le persone in questa fase non sono in grado di vivere in modo indipendente.

Fase 5

Questa è l’ultima fase del morbo di Parkinson. I pazienti non sono in grado di stare in piedi o camminare da soli e di solito sono costretti a letto o su una sedia a rotelle. In questa fase possono verificarsi allucinazioni e visioni. L’assistenza a tempo pieno è necessaria per le persone in questa fase della malattia.

Come si cura il morbo di Parkinson?

La maggior parte delle terapie per il morbo di Parkinson mirano ad alleviare i sintomi. Ci sono alcuni farmaci e integratori che migliorano la produzione della dopamina nel cervello, ma non cureranno la malattia – limitano semplicemente la gravità dei sintomi dovuti alla bassa dopamina.

Tra le terapie per il morbo di Parkinson troviamo:

  • Amantadina
  • Farmaci anticolinergici
  • Antidepressivi (SNRI, SSRI, TCA)
  • Integratori antiossidanti
  • Esercizio cardio-aerobico
  • Consumo di caffè
  • Inibitori COMT
  • Stimolazione cerebrale profonda
  • Farmaci dopaminergici (IMAO, anfetamine)
  • Un minimo di 8 ore di sonno ogni notte
  • Diete ad alto contenuto di fibra
  • Integrazione con L-dopa
  • Meditazione/yoga/Tai-chi
  • Terapia occupazionale
  • Integrazione probiotica
  • Logopedia

In che modo il CBD potrebbe essere d’aiuto per il morbo di Parkinson

Il CBD potrebbe alleviare i sintomi del morbo di Parkinson in diversi modi. Prima di approfondire questo aspetto, è importante ricordare che il CBD (o qualsiasi altro prodotto) non può curare il morbo di Parkinson. Il CBD può, tuttavia, aiutare a controllare gli effetti collaterali della malattia, e può rallentare la progressione della malattia in alcune persone.

Il CBD potrebbe offrire i seguenti benefici per il morbo di Parkinson:

1. Effetto anti-infiammatorio

L’infiammazione nel cervello è strettamente associata al morbo di Parkinson [6]. I neuroni, produttori della dopamina nel cervello, vengono danneggiati peggiorando gradualmente l’infiammazione. Con l’intensificarsi dell’infiammazione, accelerano i processi neurodegenerativi nel cervello – che portano ad un aggravamento della condizione.

Non sappiamo ancora se l’infiammazione è la causa alla base del morbo di Parkinson. Ciò che sappiamo, tuttavia, è che questa infiammazione non migliora. Pertanto una delle terapie primarie sta nel provare a ridurre l’infiammazione nel cervello. Questo aiuta i neuroni a riprendersi e può rallentare l’avanzare della malattia.

Il CBD potrebbe essere particolarmente indicato per combattere l’infiammazione nel cervello poiché regola diversi percorsi chiave coinvolti nel processo infiammatorio nel cervello [7].

L’infiammazione nel cervello è uno dei fattori perpetuanti del morbo di Parkinson [6].

2. Riduzione dei tremori muscolari

I tremori muscolari sono uno dei primi sintomi del morbo di Parkinson. Condizionano fortemente la qualità della vita delle persone colpite.

dailyCBD-Patologia-Parkinson-4

È stato dimostrato che il CBD potrebbe alleviare i tremori muscolari nel morbo di Parkinson [8] e disturbi neurodegenerativi simili, come la sclerosi multipla [9] e la malattia di Huntington [10].

3. Allevia la depressione

Gli studi suggeriscono che il 45% delle persone affette da Parkinson soffrono anche di depressione [2, 3].

Il CBD potrebbe esssere molto utile anche nel trattamento della depressione. Con la riduzione della neuroinfiammazione, il CBD riesce anche ad alleviare gli effetti della depressione. Nei malati di Parkinson si manifesta questa infiammazione cerebrale e probabilmente è questo il motivo per cui chi ne è affetto soffre anche di depressione.

4. Migliora la qualità del sonno e il risveglio

I disturbi del sonno sono un effetto collaterale comune del morbo di Parkinson [13].

Ci sono diversi motivi, tra cui:

  1. Movimenti muscolari involontari durante il sonno
  2. Contrazioni muscolari nelle prime ore del mattino
  3. Crampi dolorosi durante la notte
  4. Tremore e difficoltà a girarsi nel letto
  5. Effetti collaterali dei medicinali (come levodopa, altri agonisti della dopamina e antidepressivi)
  6. Allucinazioni
  7. Sogni lucidi

L’insonnia può anche derivare da altre condizioni mediche associate:

  1. Depressione
  2. Demenza
  3. Attacchi di panico e ansia
  4. Disturbo comportamentale del movimento oculare rapido (REM-BD)
  5. Sindrome delle gambe senza riposo (RLS)
  6. Disturbo da movimento periodico delle gambe (PLMS)

Il CBD è ben noto per i suoi lievi effetti sedativi [11]. Secondo una serie di studi clinici, il CBD può migliorare sia la qualità che la quantità del sonno [12].

Altri cannabinoidi, tra cui il CBG (cannabigerolo), possono rilassare i muscoli – così da dare ulteriore supporto contro alcune delle principali cause di insonnia per il morbo di Parkinson [14].

5. Aiuta la produzione di dopamina

La principale causa dei sintomi del morbo di Parkinson è la bassa produzione di dopamina nel cervello. Pertanto, uno dei bersagli più importanti in un trattamento efficace sono i neuroni produttori di dopamina nel cervello.

È stato dimostrato che il CBD – in almeno uno studio preclinico – può migliorare la produzione di dopamina [15]. Lavora su un recettore, scoperto di recente, conosciuto come il recettore GPR6, che si trova nella stessa regione in cui è prodotta la dopamina [16].

Questa è una scoperta recente e molto importante. Attualmente sono in corso nuove ricerche per comprendere questi effetti in modo più dettagliato.

Se con le future ricerche scopriremo che questi risultati saranno rilevanti dal punto di vista terapeutico, non è da escludere che il CBD diventi un’opzione terapeutica importante per il morbo di Parkinson. Attualmente, la ricerca è incompleta.

dailyCBD-Patologia-Parkinson-5

Qual è la dose di CBD raccomandata?

Non ci sono abbastanza studi clinici per stabilire un dosaggio specifico per il morbo di Parkinson, tuttavia, vengono condotte molte ricerche sull’uso del CBD per una malattia simile, la sclerosi multipla.

Gli studi sulla sclerosi multipla e altre forme di disturbi neurodegenerativi spesso usano grandi dosi di CBD per avere effetto. In generale, per avere gli stessi effetti scoperti dalle ricerche, sono necessarie dosi elevate.

Si consiglia di iniziare con dosi a bassa intensità come evidenziato nella tabella sottostante e aumentarle col tempo. Se non si manifestano effetti collaterali, resta con questa dose.

Per ottimizzare i benefici, integra il CBD con le terapie a lungo termine. Questo è il motivo per cui è importante trovare una dose che consenta la più alta quantità possibile di CBD senza avere effetti collaterali.

Intensità raccomandata per il morbo di Parkinson: alta intensità

Dosi giornaliere di CBD per peso e intensità (in mg)

Peso (kg)Bassa intensitàMedia intensitàAlta intensità
45 kg10 mg30 mg60 mg
57 kg13 mg38 mg75 mg
68 kg15 mg45 mg90 mg
79 kg17 mg52 mg105 mg
90 kg20 mg60 mg120 mg
102 kg22 mg67 mg135 mg
113 kg25 mg75 mg150 mg

Verdetto finale: uso del CBD per il morbo di Parkinson

Non esiste una cura per il morbo di Parkinson – la maggior parte delle terapie disponibili, incluso il CBD, servono a rallentare il progredire della malattia e a gestire i sintomi.

Il CBD potrebbe essere un’opzione eccellente in entrambi i casi – potrebbe alleviare molti degli effetti collaterali più comuni della malattia (insonnia, depressione, ansia, tremori muscolari) e può rallentare la progressione del Parkinson.

È importante consultare il proprio medico prima di usare il CBD per assicurarsi che non abbia alcuna interazione negativa con i farmaci che stai assumendo.

La maggior parte dei malati di Parkinson usa una dose elevata per periodi prolungati.

Per ottenere i massimi benefici, opta per un olio al CBD a spettro completo ad alta intensità, per trarre vantaggio da altri cannabinoidi, come il CBG, che aiutano a contrastare i sintomi del Parkinson.

Raccomandiamo inoltre di utilizzare solo CBD e oli di canapa di alta qualità. I prodotti di bassa qualità possono essere contaminati da metalli pesanti o pesticidi che possono addirittura peggiorare i sintomi.

Fai sempre delle ricerche prima di acquistare il CBD per assicurarti che le aziende che stai comprando utilizzino canapa di alta qualità, priva di contaminanti.

Riferimenti

  1. Delaville, C., De Deurwaerdère, P., & Benazzouz, A. (2011). Noradrenaline and Parkinson’s disease. Frontiers in systems neuroscience, 5, 31.
  2. Lemke, M. R. (2002). Effect of reboxetine on depression in Parkinson’s disease patients. The Journal of clinical psychiatry, 63(4), 300-304.
  3. Lemke, M. R., Fuchs, G., Gemende, I., Herting, B., Oehlwein, C., Reichmann, H., … & Volkmann, J. (2004). Depression and Parkinson’s disease. Journal of Neurology, 251(6), vi24-vi27.
  4. Jankovic, J., & Tolosa, E. (Eds.). (2007). Parkinson’s disease and movement disorders. Lippincott Williams & Wilkins.
  5. Ozelius, L. J., Senthil, G., Saunders-Pullman, R., Ohmann, E., Deligtisch, A., Tagliati, M., … & Lipton, R. B. (2006). LRRK2 G2019S as a cause of Parkinson’s disease in Ashkenazi Jews. New England Journal of Medicine, 354(4), 424-425.
  6. Hirsch, E. C., & Hunot, S. (2009). Neuroinflammation in Parkinson’s disease: a target for neuroprotection?. The Lancet Neurology, 8(4), 382-397.
  7. Baker, D., Jackson, S. J., & Pryce, G. (2007). Cannabinoid control of neuroinflammation related to multiple sclerosis. British journal of pharmacology, 152(5), 649-654.
  8. Kluger, B., Triolo, P., Jones, W., & Jankovic, J. (2015). The therapeutic potential of cannabinoids for movement disorders. Movement disorders, 30(3), 313-327.
  9. Malfitano, A. M., Proto, M. C., & Bifulco, M. (2008). Cannabinoids in the management of spasticity associated with multiple sclerosis. Neuropsychiatric disease and treatment, 4(5), 847.
  10. Dowie, M. J., Howard, M. L., Nicholson, L. F. B., Faull, R. L. M., Hannan, A. J., & Glass, M. (2010). Behavioural and molecular consequences of chronic cannabinoid treatment in Huntington’s disease transgenic mice. Neuroscience, 170(1), 324-336.
  11. Crippa, J. A., Guimarães, F. S., Campos, A. C., & Zuardi, A. W. (2018). Translational Investigation of the Therapeutic Potential of Cannabidiol (CBD): Toward a New Age. Frontiers in Immunology, 9. https://doi.org/10.3389/FIMMU.2018.02009
  12. Russo, E. B., Guy, G. W., & Robson, P. J. (2007, August 1). Cannabis, pain, and sleep: Lessons from therapeutic clinical trials of sativexρ, a cannabis-based medicine. Chemistry and Biodiversity. Wiley-Blackwell. https://doi.org/10.1002/cbdv.200790150
  13. Sleep disorders in Parkinson’s disease: Diagnosis and management. Ann Indian Acad Neurol. 2011;14(Suppl 1):S18-20.
  14. Evans, F. J. (1991). Cannabinoids: the separation of central from peripheral effects on a structural basis. Planta medica, 57(S 1), S60-S67.
  15. Morales, P., Isawi, I., & Reggio, P. H. (2018). Towards a better understanding of the cannabinoid-related orphan receptors GPR3, GPR6, and GPR12. Drug metabolism reviews, 50(1), 74-93.
  16. Laun, A. S., & Song, Z. H. (2017). GPR3 and GPR6, novel molecular targets for cannabidiol. Biochemical and biophysical research communications, 490(1), 17-21.

Patologie che rispondono al Cannabidiolo