Basato su prove

CBD e stress: ricerca e conoscenze attuali

Ad un certo punto della giornata, tutti soffrono di stress. Alcuni di noi sono sempre stressati. L’olio di CBD sta rapidamente diventando un integratore efficiente per le persone che lo sono cronicamente. Riduce la sensazione di esaurimento e protegge il corpo dagli effetti negativi che lo stress può causare nel tempo.

Scritto da
Justin Cooke , pubblicato 1 settimana fa

Lo stress è più di una risposta fisiologica, è uno stile di vita.

Oggi, le persone si stressano costantemente per il lavoro, le finanze, le relazioni, la salute e chi più ne ha più ne metta.

Se gli permettiamo di prendere il controllo delle nostre vite, può rappresentare un prezzo davvero alto da pagare per la salute.

Il CBD e gli altri componenti della pianta di cannabis hanno molto da offrirci in termini di salute, ma la riduzione dello stress è il loro beneficio più eccellente.

Oggi le persone usano oli di CBD, capsule e tinture per gestire i livelli di stress, rilassarsi e proteggere il corpo dalla devastazione che lo stress cronico può causare.

In questo articolo analizziamo come funziona lo stress, come ha monopolizzato le nostre vite e come possiamo ridurlo efficacemente usando gli oli CBD.

  • Indice
patologia-stress

Lo stress è progettato per aiutarci

I nostri antenati hanno sviluppato la risposta dello stress come modo per tirarci fuori da una situazione problematica.

Immagina di trovarti faccia a faccia con una tigre dai denti a sciabola. Ha fame, e senza dubbio l’uomo è nel menu.

In uno stato mentale normale, potremmo essere in grado di lottare con la tigre, ma è improbabile che avremo successo.

Per fortuna esiste la reazione dello stress (chiamata anche reazione di “attacco o fuga”).

Alcune parti del nostro cervello (l’ipotalamo e l’ipofisi) riconoscono immediatamente la minaccia e liberano gli ormoni che si dirigono verso le ghiandole surrenali, posizionate sopra ogni rene.

Queste ghiandole iniziano quindi a pompare gli ormoni dello stress, come il cortisolo, che viaggiano in tutto il corpo attraverso il flusso sanguigno per produrre ciò che identifichiamo come stress.

Questo sistema è progettato per darci una spinta fisica e mentale per aiutarci a combattere la tigre o scappare per metterci in salvo.

Questi effetti comportano:

  1. Le vie respiratorie si allargano per far arrivare più ossigeno ai polmoni
  2. La frequenza cardiaca accelera per pompare nutrienti e ossigeno sempre più velocemente e più in profondità nei muscoli
  3. Il fegato scarica il glucosio nel flusso sanguigno per potenziare l’energia nel corpo
  4. Il sistema digestivo e immunitario cessano le attività per consentire al corpo di concentrare l’energia nei muscoli e nel cervello
  5. I vasi sanguigni si stringono per spingere il sangue nei capillari piccoli in modo più efficiente
  6. Neurotrasmettitori come la norepinefrina vengono rilasciati per stimolare il cervello e aumentare la consapevolezza

Tutti questi cambiamenti ci danno un vantaggio temporaneo sulla tigre per aiutarci a uscire dal pericolo.

Diventiamo più arguti, più consapevoli di ciò che ci circonda, i nostri muscoli sono più forti, abbiamo più energia e diventiamo insensibili al dolore e al malessere.

In questo contesto, lo stress è estremamente prezioso. Può fare la differenza tra la vita e la morte.

Sono moltissimi i racconti di persone che realizzano imprese sovrumane sotto l’effetto della risposta combatti o fuggi.

Gli impatti negativi dello stress

Nell’incontro con la tigre dai denti a sciabola, lo stress ci ha aiutato. Siamo stati in grado di combattere la tigre o di correre al riparo. Missione compiuta, vivremo un altro giorno.

Ora il corpo ha bisogno di invertire i cambiamenti attuati durante la reazione dello stress e tornare alla normalità. La chiamiamo reazione “riposa e digerisci”.

Le nostre ghiandole surrenali smettono di produrre cortisolo, i livelli di zuccheri nel sangue tornano normali, la frequenza cardiaca rallenta, la pressione sanguigna diminuisce e i sistemi digestivo e immunitario tornano attivi.

Questo è ciò che dovrebbe succedere, ma ultimamente non è sempre così.

Di questi tempi, la maggior parte delle persone è stressata da attività che non minacciano la nostra vita, come il riuscire ad avere abbastanza soldi per comprare quel nuovo paio di scarpe, o una relazione non è più come una volta, o l’avere troppo da fare.

Questi tipi di stress tendono a non andare via. Non combattiamo mai la tigre per scappare lontano abbastanza da calmarci. Quindi rimaniamo in uno stato iperstimolato di stress.

Col passare del tempo, questo ha molti effetti negativi sul corpo.

Alcuni degli esempi più comuni includono:

  1. Le ghiandole surrenali si esauriscono e smettono di produrre gli ormoni di cui abbiamo bisogno per regolare il ciclo di sonno-veglia
  2. Il sistema immunitario viene meno, al punto che sembriamo contrarre ogni raffreddore o influenza lungo la nostra strada
  3. Sviluppiamo una malattia metabolica quando i livelli di zucchero nel sangue rimangono alti per settimane o mesi interi
  4. Il sistema digestivo, soppresso, rende difficile assorbire i nutrienti di cui abbiamo bisogno e inizia a infiammarsi
  5. La pressione sanguigna rimane alta e le arterie iniziano ad indurirsi
  6. Sviluppiamo disturbi neurologici come ansia e depressione per via del costante stato di iperstimolazione

Ci sono molti altri esempi di problemi che possono sorgere quando viviamo in uno stato di stress per troppo tempo, senza effettivamente calmarci e recuperare.

Perciò, imparare a usare strumenti come l’olio di CBD, insieme ad altre tecniche utili che approfondiremo in seguito, ci darà una grande mano a fermare il costante stato di stress, a dare al corpo il tempo di riprendersi, e in definitiva evitare la lunga lista di effetti negativi che lo stress ha sul corpo.

Ora vediamo cos’è il CBD e che ruolo svolge nella reazione dello stress.

dailyCBD-Patologia-Stress-1

Il CBD per lo stress

Negli ultimi mesi il CBD è diventato un celebre integratore.

Ha una lunga lista di benefici ed è utilizzato per una lista ancor più lunga di patologie.

Come può una sostanza essere così utile per così tante disturbi, ti chiedi?

Curiosamente, molto avviene grazie alla sua capacità di regolare e controllare la nostra risposta allo stress.

Riflettici.

Se qualcosa riesce a abbassare la nostra risposta allo stress, e questo previene il danno che ha sul corpo, avrà un impatto su ogni cosa, dal cervello alla pelle e tutto il resto.

Cosa è esattamente il CBD?

CBD è l’abbreviazione di cannabidiolo.

È uno dei costituenti primari della pianta di cannabis ed è il principale cannabinoide non psicoattivo presente nella pianta.

Una volta nel corpo, il CBD è in grado di interagire con uno speciale gruppo di recettori noti collettivamente come sistema endocannabinoide. Questo sistema svolge un ruolo importante nella regolazione del sistema nervoso aumentando la comunicazione tra una cellula e l’altra.

Il sistema endocannabinoide

Il sistema endocannabinoide (ECS) è come una sorta di ricevuta di lettura per i nervi.

Quando un nervo invia un segnale a quello successivo, il sistema endocannabinoide va nella direzione opposta per dire al mittente che il messaggio è arrivato.

Potrebbe non sembrare così importante, ma ha serie implicazioni.

Il sistema endocannabinoide dà efficacemente feedback ad altre aree del corpo per far funzionare i canali di comunicazione. Si assicura che tutto funzioni entro i giusti limiti, mantenendo il corpo interno in equilibrio.

Il modo più semplice per capire questo meccanismo è pensare all’equilibrio.

Il corpo cerca sempre di mantenere l’equilibrio di tutti i suoi sistemi (omeostasi). Non vuole essere troppo caldo o troppo freddo, troppo secco o troppo umido, troppo sveglio o troppo assonnato. C’è sempre un equilibrio che il corpo si sforza di mantenere, che naturalmente può oscillare durante il giorno.

Essenzialmente il sistema endocannabinoide regola questo equilibrio e ci assicura di rimanere sempre nei limiti. Se non lo siamo, lavora per riportarci verso il baricentro aiutando le parti del corpo a comunicare e ad agire insieme.

È molto importante da considerare, perché quando siamo stressati non siamo in equilibrio.

dailyCBD-Patologia-Stress-3

Usare l’olio di CBD per lo stress

Quindi, ti starai chiedendo in che modo esattamente il CBD aiuta con lo stress.

In sostanza, gli effetti del CBD sullo stress comprendono:

  • Il miglioramento della funzione ipotalamica
  • La protezione del corpo dal danno ossidativo
  • La promozione della reazione “riposa e digerisci”

Permettimi di spiegare meglio.

Come abbiamo già visto, lo stress parte dall’ipotalamo nel cervello, che attiva quindi il rilascio di un ormone chiamato cortisolo. Questo ormone procede dicendo al resto del corpo di prepararsi alla battaglia.

Un punto logico da cui partire per arrestare o rallentare la risposta dello stress è l’ipotalamo.

1. Il CBD e l’ipotalamo

Sulla superficie di questa regione specializzata del cervello ci sono una serie di recettori che analizzano i livelli di cortisolo nel sangue.

Normalmente, quando c’è un afflusso di cortisolo nel sangue, questi recettori rispondono comunicando alle ghiandole surrenali di interrompere la produzione di ormoni dello stress.

Quando siamo cronicamente stressati, l’ipotalamo diventa meno sensibile al cortisolo, il che significa che abbiamo bisogno di molto più cortisolo per ottenere la stessa risposta. Questo in realtà ci fa rimanere stressati per lunghi periodi di tempo.

Il CBD rafforza la capacità dell’ipotalamo di rilevare il cortisolo, attivando la valvola di chiusura molto prima e impedendo allo stress di persistere troppo a lungo [4].

2. CBD e danno ossidativo

Uno dei modi principali in cui lo stress causa così tanta distruzione è attraverso una cosa chiamata danno ossidativo.

L’aumento di zuccheri e dell’attività metabolica causati dallo stress possono portare a un accumulo di radicali liberi, i quali possono danneggiare i tessuti di tutto il corpo.

Normalmente questo meccanismo si interrompe quando entriamo in uno stato di rilassamento nella modalità riposa e digerisci, ma ovviamente, quando siamo stressati per lunghi periodi, questi radicali liberi persistono.

L’olio di CBD è ricco di sostanze antiossidanti [1] che aiutano a neutralizzare i radicali liberi e proteggono il corpo dalla loro influenza dannosa.

3. Il CBD per la modalità riposa e digerisci

Quando siamo stressati, il cortisolo porta la norepinefrina ad assumere il controllo del cervello. Ciò porta al coinvolgimento di altri neurotrasmettitori stimolanti come la dopamina, la serotonina e il glutammato.

Ci fa entrare in uno stato di combattimento o fuga in cui l’attività cerebrale aumenta drammaticamente.

La forza opposta a questo sistema è un altro neurotrasmettitore chiamato GABA.

Abbiamo bisogno che il GABA agisca come i pedali del freno per il cervello, dicendogli di rallentare e rilassarsi. Si tratta di uno dei principali neurotrasmettitori coinvolti nel sistema nervoso “riposa e digerisci” e ha la chiave per ridurre la reazione dello stress.

Molti dei migliori farmaci ansiolitici funzionano stimolando l’attività del GABA nel cervello, sostanzialmente per farci rallentare e aiutare a rilassarci.

In recenti studi condotti su animali, ad alcuni topi è stata somministrata una sostanza che bloccava il GABA, inducendoli a convulsioni iperattive. È stato dimostrato che il CBD inibisce completamente questi effetti, il che suggerisce la sua capacità di regolare il GABA e promuovere il rilassamento, anche durante l’esposizione chimica diretta a farmaci inibitori del GABA [4].

Anche molti degli altri terpeni contenuti nella pianta hanno dimostrato di stimolare l’attività del GABA, ad esempio il borneolo [3] e il limonene [2].

dailyCBD-Patologia-Stress-4

Il miglior olio di CBD per lo stress

Quando vuoi acquistare un olio di CBD per lo stress, è fondamentale trovare qualcosa ad alto contenuto di CBD, ma che contenga anche tutti gli altri terpeni e antiossidanti presenti naturalmente nella pianta. Per questo motivo, consigliamo un olio di canapa a spettro completo di alta qualità piuttosto che qualsiasi concentrato o olio di THC.

In giro ci sono moltissimi produttori eccellenti di olio di CBD, ma ci sono anche quelli di scarsa qualità.

Facciamo del nostro meglio per recensirne il maggior numero possibile, ma a volte è semplicemente impossibile trattarli tutti.

Dosaggio dell’olio di CBD

Dosare l’olio di CBD può essere una sfida perché funziona in modo leggermente diverso in ognuno di noi.

Alcuni prodotti avranno la dose riportata sul flacone, altri no, ti lasciano a indovinare.

Dai un’occhiata alla nostra guida al dosaggio dell’olio di CBD per una spiegazione dettagliata su come calcolare la dose in base al peso e all’intensità desiderata.

Ti consigliamo di iniziare dalla dose più bassa e aumentare gradualmente una volta che hai capito gli effetti personali che ha su di te.

Come rendere l’olio di CBD ancora più efficace per combattere lo stress

Sebbene l’olio di CBD contribuirà notevolmente ad abbassare i livelli di stress, e ti aiuterà a tornare a uno stato di salute migliore sia dal punto di vista mentale che fisico, puoi migliorarlo ancora di più praticando contemporaneamente altre forme di gestione dello stress.

Alcuni esempi di tecniche di gestione dello stress eccellenti includono:

1. La meditazione

La meditazione è di gran lunga il modo migliore per alleviare lo stress cronico. Molte persone si arrendono dopo aver provato perché pensano di non farlo nel modo giusto, visto che la loro mente resta piena di pensieri mentre siedono lì in silenzio.

Non è così.

La cosa più importante che devi fare affinché la meditazione riduca lo stress, è praticare una respirazione rallentata e ritmica. Non devi per forza entrare in uno “stato meditativo” per ottenere questi benefici. Dopo solo qualche istante di respirazione controllata, i tuoi polmoni stimoleranno il sistema nervoso parasimpatico, che ti indurrà in uno stato di calma e ti farà combattere la reazione allo stress.

È davvero molto efficace.

2. Esercizio fisico

L’esercizio fisico è un ottimo anti-stress.

Provoca un’ondata di endorfine nel flusso sanguigno che ci fa sentire bene e ci aiuta a liberarci del cortisolo più velocemente.

Tutto ciò che ti serve sono 10 minuti al giorno di esercizio moderato come il jogging, il salto con la corda o l’allenamento con i pesi.

3. Identifica ed elimina la fonte di stress

Non importa cosa fai per ridurre lo stress, se non elimini la fonte continuerà a tornare.

Qualunque cosa sia, devi identificarlo e trovare un modo per renderlo non più un problema. Se non sai dove iniziare, ci sono molti servizi che possono aiutarti a farlo.

Dai un’occhiata qui.

4. Passa dal caffè al tè

Tutti amiamo il caffè del mattino, ma molte persone non sanno che la caffeina nel caffè in realtà innesca il rilascio di cortisolo, peggiorando ulteriormente il nostro stress.

Anche il tè contiene caffeina, ma contiene anche un’altra sostanza chimica nota come L-teanina, ovvero un’eccellente sostanza anti-stress spesso usata come integratore nootropico per promuovere uno stato d’animo calmo e rilassato.

Passare dal caffè al tè può dare una grande mano ad abbassare il livello generale di stress giorno dopo giorno.

dailyCBD-Patologia-Stress-5

5. Integratori a base di erbe adattogene

Le erbe adattogene sono erbe con benefici specifici sul sistema di risposta dello stress.

Di solito agiscono direttamente sull’ipotalamo, ma possono anche inibire gli effetti del cortisolo sul corpo.

La migliore per iniziare, in combinazione con il CBD, è un’erba chiamata Rehmannia. Prepara l’ipotalamo a essere più sensibile, permettendogli di interrompere la reazione dello stress molto più velocemente quando non ci dà alcun vantaggio.

Ci sono molte altre erbe adattogene che puoi combinare con l’integrazione di CBD per ridurre la reazione di stress. Alcuni esempi comuni sono la l’ashwagandha, il ginseng e la liquirizia.

Osservazioni conclusive

L’olio di CBD è un ottimo integratore giornaliero. Ha una lunga lista di effetti benefici e può fare molto per migliorare la nostra qualità della vita.

Uno dei principali modi in cui lo fa è aiutarci a far fronte allo stress.

Agisce direttamente sull’ipotalamo, ci protegge dal danno ossidativo e comunica al cervello di rallentare e riposare quando andiamo a cento chilometri all’ora.

Se utilizzi l’olio di CBD per lo stress, è importante contemporaneamente implementare altri metodi e utilizzare solo oli di CBD a base di canapa biologica e a spettro completo.

Riferimenti

  1. Hampson AJ, Grimaldi M, Axelrod J, Wink D. Cannabidiol and ()Delta-9-tetrahydrocannabinol are neuroprotective antioxidants. Proc Natl Acad Sci USA. 1998;95(14):8268-73.
  2. de Almeida Costa, C. A. R., Kohn, D. O., de Lima, V. M., Gargano, A. C., Flório, J. C., & Costa, M. (2011). The GABAergic system contributes to the anxiolytic-like effect of essential oil from Cymbopogon citratus (lemongrass). Journal of ethnopharmacology, 137(1), 828-836.
  3. Granger, R. E., Campbell, E. L., & Johnston, G. A. (2005). (+)-And (−)-borneol: efficacious positive modulators of GABA action at human recombinant α 1 β 2 γ 2L GABA A receptors. Biochemical pharmacology, 69(7), 1101-1111.
  4. Consroe, P., Benedito, M. A., Leite, J. R., Carlini, E. A., & Mechoulam, R. (1982). Effects of cannabidiol on behavioral seizures caused by convulsant drugs or current in mice. European journal of pharmacology, 83(3-4), 293-298.
  5. R de Mello Schier, A., P de Oliveira Ribeiro, N., S Coutinho, D., Machado, S., Arias-Carrión, O., A Crippa, J., … & C Silva, A. (2014). Antidepressant-like and anxiolytic-like effects of cannabidiol: a chemical compound of Cannabis sativa. CNS & Neurological Disorders-Drug Targets (Formerly Current Drug Targets-CNS & Neurological Disorders), 13(6), 953-960.
  6. Murillo-Rodríguez, E., Millán-Aldaco, D., Palomero-Rivero, M., Mechoulam, R., & Drucker-Colín, R. (2006). Cannabidiol, a constituent of Cannabis sativa, modulates sleep in rats. FEBS letters, 580(18), 4337-4345.

Patologie che rispondono al Cannabidiolo