Basato su prove

CBD e dipendenza: ricerca e conoscenze attuali

Molte persone stanno iniziando ad usare l’olio di CBD come metodo per uscire dalla dipendenza e affrontare il dolore e i malesseri dovuti alle crisi d’astinenza. In quest’articolo tratteremo di come l’olio di CBD può essere usato per aiutare gli utenti ad uscire dai cicli della dipendenza.

Scritto da
Justin Cooke , pubblicato 1 settimana fa

C’è un’intera gamma di droghe con un potenziale di dipendenza che può devastare il corpo. Lo Xanax, la morfina, l’eroina e la cocaina sono alcune delle droghe di cui si fa più comunemente abuso.

Affrontare le crisi d’astinenza che seguono la dipendenza può essere estremamente spiacevole e talvolta mortale. Qualsiasi sostanza che possa aiutare ad alleviare questi sintomi o ad accelerare i tempi di guarigione, migliorerà la qualità della vita di queste persone.

Qui affrontiamo le cause più comuni della dipendenza, i modi per uscirne e come il CBD può essere d’aiuto, dando un’occhiata ai migliori oli di CBD per alleviare i sintomi della dipendenza e le crisi di astinenza.

Cominciamo.

  • Indice

Quali sono le cause della dipendenza?

La dipendenza è considerata un disturbo psicologico che comporta un desiderio compulsivo di fare qualcosa che ha un impatto negativo sul corpo.

La dipendenza è una malattia localizzabile in una zona speciale del cervello chiamata centro di ricompensa.

Si tratta della regione del cervello che ci consente in generale di formare abitudini e sviluppare istinti. È stata centrale alla sopravvivenza della nostra specie, però, quando è disfunzionale, può causare molti danni.

Di questo parleremo in dettaglio più avanti. 

I livelli anormali di dopamina sono un elemento chiave della dipendenza

Una delle caratteristiche principali della dipendenza è l’esaurimento dei livelli di dopamina [3].

I picchi di dopamina abituano il cervello a cercare quantità sempre maggiori della sostanza. Nel corso del tempo, questo picco di dopamina riduce la capacità del corpo di produrre dopamina da solo. Perciò, i consumatori diventano altamente dipendenti dalla droga per poter produrre abbastanza dopamina.

I livelli bassi di dopamina sono noti per causare sintomi come:

  • Depressione
  • Mancanza di concentrazione
  • Squilibri ormonali
  • Scarsa memoria
dailyCBD-Patologia-dipendenza-1

Tipi di dipendenza & il ruolo del CBD

Per poter discutere di come il CBD è usato per trattare la dipendenza, dobbiamo distinguere tra i diversi tipi di dipendenza.

La dipendenza, in generale, si basa sul centro di ricompensa nel cervello.

Questa parte del cervello controlla il nostro desiderio di ripetere le attività. Quando facciamo qualcosa di buono, ad esempio mangiare, il centro di ricompensa rilascia una piccola dose di ossitocina, facendoci sentire euforici e felici. Il nostro cervello registra la sensazione di appagamento, e ci costringe a sviluppare l’abitudine di ripetere la stessa cosa. Questo è l’inizio di un processo abitudinario.

Altri tipi di dipendenza coinvolgeranno nuovamente questo sistema, ma indirettamente.

La maggior parte delle droghe che creano dipendenza colpiscono un recettore specifico. Possono mettere fine al dolore o portarci ad uno stato più rilassato.

Col tempo, le droghe provocano cambiamenti nel recettore, rendendolo meno sensibile. Andando avanti in questo modo, alla fine arriviamo a un punto in cui non possiamo attivare quei recettori senza la droga. Se non la assumiamo, proviamo diversi livelli di malessere.

Ecco come il CBD può aiutare con diversi tipi di dipendenza:

1. La dipendenza da stimolanti, la dopamina e il CBD

Gli stimolanti come la cocaina e il crack sono sostanze di cui si fa molto abuso. Esse agiscono su una serie di recettori della dopamina nel cervello.

I loro effetti causano un picco di rilascio di dopamina. Sono tra le sostanze più assuefacenti disponibili a causa dell’importante ruolo della dopamina nel centro di ricompensa cerebrale.

Una volta che il centro di ricompensa si attiva, rilascia un aumento di ossitocina dall’ipotalamo, che ci fa sentire momentaneamente euforici.

Questo sistema è progettato per farci ripetere attività o schemi da cui otteniamo beneficio.

Nel caso di farmaci stimolanti come la cocaina, il sistema viene stimolato sinteticamente, inducendoci a voler ripetere il processo per ottenere un’altra dose di ossitocina.

Il CBD è particolarmente indicato per trattare questo tipo di dipendenza mentre ancora si fa uso di droghe. Questo perché limita il rilascio di dopamina dai gangli della base, che la producono [1].

Le sostanze stimolanti comuni che creano dipendenza includono:

  • Cocaina
  • Crack
  • Modafinil
  • Adderall
  • Vyvanse
  • Ritalin

Il CBD e la dipendenza da stimolanti

Il principale beneficio che il CBD offre contro la dipendenza da stimolanti è il suo effetto sulla dopamina.

Il CBD è molto complesso e interagisce con una serie di altri apparati corporei, tutti collegati attraverso il sistema nervoso. Si è rivelato intervenire nel processo di inibizione della dopamina nei gangli della base [1].

Ciò significa che il CBD è coinvolto nella regolazione dei livelli ottimali di dopamina bloccandone il rilascio quando i livelli sono troppo elevati.

Altri studi hanno ribadito questo concetto dopo aver osservato che il CBD aveva un effetto inibitorio sul rilascio di dopamina negli animali [2].

Ciò è utile per le dipendenze perché riduce il rilascio di dopamina sotto gli effetti della droga.

Ciò significa che per ottenere il massimo beneficio dal CBD, è necessario iniziare a prenderlo mentre ti disabitui alla droga.

Il CBD ridurrà l’aumento della dopamina, rendendo meno gravi gli effetti della droga e contribuendo a liberarti gradualmente dalla morsa della dipendenza.

Affinché questo funzioni, è assolutamente necessario affrontare un programma di disintossicazione o riabilitazione. Il CBD aiuterà a frenare il desiderio di assumere droghe, ma non sarà abbastanza per guarire completamente dalla dipendenza.

2. La dipendenza da oppioidi e il CBD

Gli oppioidi sono i farmaci di cui si fa più comunemente uso.

Sono usati per ridurre il dolore. Agiscono attivando un recettore nel midollo spinale e nel cervello usato per affievolire la trasmissione del dolore.

Un segnale di dolore viaggia attraverso il nervo e raggiunge il midollo spinale. Qui, il messaggio viene trasferito attraverso un portale speciale.

Puoi paragonarlo al confine di sicurezza che attraversi per entrare in un paese.

Per prima cosa consegni i documenti, e la sicurezza li esaminerà. Se non coincidono, o se ci sono già troppe persone che attraversano il confine, l’entrata ti sarà negata.

I recettori degli oppioidi funzionano allo stesso modo. Essi misurano quanto dolore si sta trasmettendo, e lo eliminano quando diventa troppo.

dailyCBD-Patologia-dipendenza-2

Assumere un oppiaceo è come costruire un muro gigante al confine. Ferma il flusso del traffico, così nessuno può entrare o uscire, interrompendo la trasmissione del dolore impedendogli di arrivare al cervello.

Il problema è che, per funzionare correttamente, un po’ di traffico che scorre è necessario. Col tempo, altrimenti, le guardie di sicurezza al confine diventeranno pigre. Se il muro crolla (per esempio, saltando una dose del farmaco), tutti quanti correranno per attraversarlo. Le guardie non saranno abbastanza abili da fermarli, lasciando quindi passare molto dolore.

L’astinenza dagli oppioidi causa sintomi come:

  • Dolore grave e diffuso
  • Incapacità di regolazione della temperatura
  • Mancanza di energia
  • Irritabilità
  • Ansia
  • Agitazione
  • Insonnia
  • Rinite (naso che cola)
  • Occhi lacrimanti
  • Sbadigli costanti
  • Dolori e crampi muscolari
  • Crampi addominali
  • Nausea
  • Vomito
  • Diarrea

Per invertire la dipendenza dagli oppioidi, dobbiamo ridurre gradualmente l’assunzione del farmaco e permettere ai recettori oppioidi di riprendere la loro normale funzione.

Tornando all’esempio di prima: sarebbe come assumere nuove guardie di sicurezza e passare alcune settimane ad addestrarle a fare il loro lavoro.

Il CBD per la dipendenza da oppioidi

Il CBD offre benefici unici in termini di gestione dei sintomi della dipendenza da oppioidi, perché regola indirettamente la funzione dei recettori degli oppioidi [4].

Questo ci aiuta a ripristinare i livelli ottimali dei recettori degli oppioidi e ci aiuta a guarire più velocemente.

Usando ancora la nostra analogia, usare il CBD sarebbe come assumere un allenatore professionista della sicurezza del confine così da addestrare le nuove reclute in meno tempo.

Al fine di ottenere il massimo dal CBD per questo tipo di dipendenza, dovrebbe essere assunto durante lo svezzamento dai farmaci, nonché in seguito per diverse settimane mentre si affrontano gli effetti dell’astinenza.

3. La dipendenza da benzodiazepine e il CBD

L’alcol e le benzodiazepine sono molto diversi ma agiscono attraverso gli effetti del neurotrasmettitore GABA.

Le benzodiazepine si legano al recettore GABA, che serve per amplificare gli effetti del GABA stesso.

Il GABA funge da freno del sistema nervoso.

Ciò significa che serve a rallentare l’iperattività nel sistema nervoso. Quando i nervi sono sovraeccitati, per stress, ansia o uso di droghe, il sistema nervoso deve schiacciare il freno per calmarsi di nuovo.

Questo è molto importante anche per indurre il sonno.

Le principali funzioni delle benzodiazepine sono calmare l’ansia e indurre il sonno.

Come altri farmaci, quando ne assumiamo in quantità elevate per lunghi periodi di tempo, causano l’intorpidimento dei recettori.

Quando ciò accade, se non assumiamo il farmaco, diventiamo incapaci di attivare efficacemente il GABA, il che ci spinge molto facilmente in uno stato di ansia e insonnia.

Sintomi dell’astinenza delle benzodiazepine:

  • Irritabilità e irrequietezza (acatisia)
  • Ansia
  • Visione offuscata
  • Palpitazioni
  • Depressione
  • Pupille dilatate
  • Vertigini
  • Bocca secca
  • Pressione alta
  • Affaticamento
  • Nausea
  • Diarrea
  • Mal di testa
  • Insonnia
  • Aumento della frequenza urinaria
  • Riduzione di memoria e concentrazione
  • Perdita di appetito
  • Perdita di peso
  • Spasmi muscolari
  • Incubi
  • Disturbo ossessivo-compulsivo
  • Paranoia
  • Sindrome delle gambe senza riposo
  • Ronzio nelle orecchie (acufene)
  • Disturbi visivi

I sintomi dell’astinenza da benzodiazepina possono durare anni. Per aiutare i tossicodipendenti a smettere, è importante disporre di opzioni di trattamento efficaci per rendere l’astinenza più sopportabile.

Il CBD è utile per le persone in astinenza dalle benzodiazepine per diversi motivi.

Il CBD per la dipendenza da benzodiazepine

Il CBD è utile per la dipendenza da benzodiazepina perché previene la ricaptazione e la distruzione del GABA [5].

Il CBD inibisce il riassorbimento del GABA, permettendogli di esercitare i suoi benefici più a lungo. Ciò è utile per combattere gli effetti negativi della dipendenza da benzodiazepina, aumentando le concentrazioni complessive di GABA nel cervello.

Come per altri tipi di dipendenze, è molto importante che il CBD sia utilizzato insieme ad altri trattamenti per la dipendenza.

Il cambiamento di atteggiamento, lo svezzamento graduale dal farmaco e il supporto dei sintomi dell’astinenza sono tutti necessari per una maggiore efficacia.

Il CBD favorisce semplicemente il processo, aiutandoci a tornare più velocemente a uno stato normale di non dipendenza.

dailyCBD-Patologia-dipendenza-3

Che dose dovrei assumere?

Per trovare la giusta quantità di CBD da usare sono necessari alcuni tentativi ed errori.

A seconda della gravità della dipendenza e della sensibilità dell’individuo, può servire molto (45 mg) o poco (4 mg) CBD al giorno.

Per dipendenze da antidolorifici in combinazione con dolore cronico, è probabile che ci sia bisogno di dosaggi più alti.

Anche le benzodiazepine richiederanno una dose più alta per essere efficaci.

Per dipendenze da stimolanti come cocaina o MDMA, molti utenti ritengono che le dosi più efficaci siano quelle che rientrano nell’intervallo dei 20 mg.

Indipendentemente dal tipo di CBD utilizzato, il modo migliore per iniziare è da una piccola dose (4 mg) e aggiungere 4 mg al giorno fino ad ottenere i risultati desiderati.

Un programma di dosaggio potrebbe essere simile a questo:

Giorno 1Giorno 2Giorno 3Giorno 4Giorno 5Giorno 6
4 mg/giorno8 mg/giorno12 mg/giorno16 mg/giorno16 mg/giorno16 mg/giorno

Quanto spesso dovrei prenderlo?

L’astinenza da droghe può richiedere da una settimana (per gli stimolanti) a un mese (per gli oppiacei), a pochi mesi (per oppioidi e benzodiazepine) per essere superata.

Per ottenere i massimi benefici, il CBD dovrebbe essere assunto durante l’intero processo, a prescindere dal tempo che ci vuole.

La maggior parte delle persone inizierà ad assumere il CBD circa una settimana o due prima dell’interruzione, e poi durante l’intero processo.

Il CBD è sicuro e finora nessuno studio ha suggerito che l’uso a lungo termine sia dannoso per la salute.

Ottimizzare l’uso del CBD per la dipendenza

Il principale beneficio del CBD nel trattamento della dipendenza è la sua capacità di aiutarci a tornare in equilibrio (omeostasi).

Quando ci disintossichiamo da una droga o sconfiggiamo gradualmente la dipendenza, l’intero processo prevede il ritorno all’equilibrio. La cosa brutta è che fin quando non lo avremo raggiunto, sarà molto spiacevole.

Il CBD contribuirà ad accelerare il processo e ad alleviare il dolore e il malessere, ma dovremo implementare molte altre strategie come la disciplina e un’adeguata assistenza e nutrizione.

Riassumendo: il CBD e la dipendenza

Il CBD riporta il nostro corpo verso l’omeostasi ideale, migliorando la capacità dei nervi di comunicare tra loro.

Quando dipendiamo dalle droghe, possiamo sviluppare delle disfunzioni all’interno del centro di ricompensa del cervello, così come disfunzioni specifiche di alcuni recettori (come il GABA o i recettori degli oppioidi).

Il CBD contribuisce a un trattamento eccellente per favorire sia il processo alla base della dipendenza, sia per gestire sintomi dolorosi.

Per risultati migliori, cerca un estratto di canapa a spettro completo con THC basso, CBD alto e una composizione fitochimica completa.


Riferimenti

  1. Banerjee, S. P., Snyder, S. H., & Mechoulam, R. A. P. H. A. E. L. (1975). Cannabinoids: influence on neurotransmitter uptake in rat brain synaptosomes. Journal of Pharmacology and Experimental Therapeutics, 194(1), 74-81.
  2. Koob, G. F., & Volkow, N. D. (2010). Neurocircuitry of addiction. Neuropsychopharmacology, 35(1), 217.
  3. Dackis, C. A., & Gold, M. S. (1985). New concepts in cocaine addiction: the dopamine depletion hypothesis. Neuroscience & Biobehavioral Reviews, 9(3), 469-477.
  4. Kathmann, M., Flau, K., Redmer, A., Tränkle, C., & Schlicker, E. (2006). Cannabidiol is an allosteric modulator at mu-and delta-opioid receptors. Naunyn-Schmiedeberg’s archives of pharmacology, 372(5), 354-361.
  5. Banerjee, S. P., Snyder, S. H., & Mechoulam, R. A. P. H. A. E. L. (1975). Cannabinoids: influence on neurotransmitter uptake in rat brain synaptosomes. Journal of Pharmacology and Experimental Therapeutics, 194(1), 74-81.

Patologie che rispondono al Cannabidiolo