Basato su prove

Resistenza antibiotica e CBD: ricerca e conoscenze attuali

Sempre più ceppi di batteri stanno diventando immuni ai farmaci che usiamo per ucciderli. Presto, ci troveremo di fronte alla completa incapacità di affrontarli. L’olio di CBD offre una soluzione unica a questo problema, bloccando i meccanismi che i batteri usano per resistere agli antibiotici, ecco come funziona.

Scritto da
Justin Cooke , pubblicato 1 settimana fa

La resistenza agli antibiotici è una grave minaccia per la sanità pubblica.

I batteri comuni dell’MRSA resistenti ai farmaci (ovvero dello Staphylococcus aureus resistente alla meticillina) provocano più morti all’anno dell’HIV [1].

Ogni anno, sempre più ceppi di batteri infettivi diventano resistenti alla nostra medicina. Inoltre, negli ultimi 30 anni, è stata sviluppata solo una nuova classe di antibiotici.

Con gli attuali ritmi, non saremo in grado di difenderci dalle malattie infettive ancora a lungo.

La cannabis, da jolly qual è, offre una soluzione unica a questo problema.

Molti dei cannabinoidi della pianta sono consigliati per prevenire la capacità dei batteri di resistere ai farmaci, che usiamo per ucciderli.

In quest’articolo affronteremo il modo in cui la cannabis può essere efficace per prevenire la resistenza ai farmaci e quali sono i suoi limiti.

  • Indice
dailyCBD-Patologia-resistenza-antibiotica-1

Riepilogo: l’uso di cannabis per prevenire la resistenza ai farmaci

Tratteremo in dettaglio la resistenza ai farmaci tra poco, e discuteremo di come l’olio di CBD può essere usato per prevenirla.

Per ora, cerchiamo solo di capire come funziona.

Molti studi su alcuni cannabinoidi hanno dimostrato che riescono a bloccare la capacità di un batterio di resistere al trattamento antibiotico.

La maggior parte di questi studi si sono concentrati su un ceppo di batteri resistenti ai farmaci che infetta la pelle, noto come Staphylococcus Aureus, resistente alla meticillina (MRSA).

Trovare un olio di CBD di alta qualità, che contenga l’intera gamma di fitochimici della pianta di canapa, sarà la scelta migliore per la resistenza ai farmaci. Questi oli sono spesso chiamati estratti a “spettro completo“.

Puoi applicarli direttamente sulla pelle insieme agli antibiotici prescritti.

Ci sono ancora ricerche in corso che dovranno determinare la loro potenza quando assunti per via orale e quali dosaggi sono efficaci.

I pericoli della resistenza ai farmaci

Negli ultimi 80 anni, l’infezione batterica è stata una delle ultime preoccupazioni in lista, sia per medici che per pazienti.

Questo perché fin dall’inizio degli anni ‘30 abbiamo avuto a disposizione antibiotici efficaci per il trattamento di queste infezioni.

Prima, l’infezione batterica era una causa diffusa di morte. Infatti, le persone nate prima degli anni ’30 avevano un’aspettativa media di vita di circa 47 anni [3].

Malattie infettive come il vaiolo, il colera, la difterite, la polmonite, la febbre tifoide, la tubercolosi e la sifilide, erano comuni e letali.

Non disponevamo di trattamenti efficaci per queste infezioni, quindi un semplice taglio da carta poteva portare alla morte quelli che erano stati così sfortunati da contrarre uno di questi batteri.

La storia degli antibiotici

Gli antibiotici hanno cambiato tutto.

Nel 1928, un microbiologo scozzese di nome Alexander Fleming scoprì per caso un genere di muffa noto come Penicillium notatum, che stava crescendo in una capsula di Petri.

La cosa strana era che stava uccidendo i batteri rivali.

Nel corso del decennio successivo, Fleming lo ha trasformato nel medicinale che oggi conosciamo come penicillina.

Questo ha cambiato le pratiche della medicina per sempre.

Dall’invenzione della penicillina, non abbiamo più dovuto preoccuparci dell’infezione batterica. Avevamo la cura che poteva uccidere praticamente tutti i batteri invasori che contraevamo.

dailyCBD-Patologia-resistenza-antibiotica-2

La resistenza agli antibiotici è iniziata negli anni ’40

Tre anni prima che gli antibiotici venissero resi accessibili al pubblico, gli scienziati che che li stavano sviluppando, cominciavano già a vedere segni di resistenza. Tuttavia, il vero problema iniziò quando un ceppo di Staphylococcus è diventato resistente alla penicillina nel 1940.

Successivamente, i seguenti batteri mutarono: la Shigella è diventata resistente alle tetracicline nel 1959; lo Staphylococcus resistente alla meticillina nel 1962; lo Pneumococco resistente alla penicillina nel 1965; lo Staphylococcus resistente all’eritromicina nel 1968.

Nei 50 anni seguenti la resistenza ai farmaci salì alle stelle. Ormai, ogni anno spuntano nuovi ceppi resistenti.

Resistenza moderna ai farmaci

Un rapporto pubblicato dal CDC nel 2016 ha evidenziato la gravità di questo problema.

Almeno 2 milioni di persone all’anno sono infettate da batteri resistenti agli antibiotici, e più di 23.000 persone all’anno muoiono come conseguenza di questa infezione.

Dal momento che sempre più microbi diventano resistenti ai farmaci che abbiamo, questo numero potrà solo aumentare sostanzialmente.

In effetti, nell’ultimo paio d’anni, è comparso un nuovo ceppo di batteri, responsabili della febbre tifoide in Pakistan che mostra resistenza a tutto, tranne che a un antibiotico.

Non appena i batteri svilupperanno resistenza all’ultima opzione rimanente, non avremo più nulla per contrastarli.

Esempi di ceppi di batteri comuni resistenti ai farmaci

  • Streptococcus pneumoniae resistente alla penicillina (PRSP)
  • Staphylococcus aureus resistente alla meticillina (MRSA)
  • Enterococcus resistente alla vancomicina (VRE)
  • Bacilli Gram-negativi multifarmaco resistenti (MDRGNB)
  • Febbre tifoide ampiamente resistente ai farmaci (Tifoide XDR)
  • Tubercolosi ampiamente resistente ai farmaci (tubercolosi XDR)
dailyCBD-Patologia-resistenza-antibiotica-3

Come funziona la resistenza ai farmaci?

Quindi come funziona la resistenza ai farmaci? E come può prevenirla l’olio di CBD?

Lasciami spiegare introducendo il modo in cui gli antibiotici uccidono i batteri.

Come gli antibiotici uccidono i batteri

Esistono molti tipi di antibiotici diversi, ma la maggior parte funziona allo stesso modo:

impedendo la crescita dei batteri.

Se i batteri non possono crescere o moltiplicarsi, non avranno il potenziale per fare danni consistenti.

I batteri portano alla distruzione se sono tanti. Un singolo batterio o anche poche centinaia avranno effetti minimi sul corpo.

Tuttavia, quando iniziamo a contrarne centinaia di migliaia o qualche milione, questi organismi possono causare gravi danni.

Gli antibiotici funzionano bloccando parti specifiche dei batteri necessarie per la crescita.

Per capire meglio, possiamo paragonare questi meccanismi a quelli di un cantiere. Il cantiere è il batterio, che lavora alla costruzione di altri batteri per infettare nuove aree del corpo.

Alcuni esempi di antibiotici diffusi includono:

1. I beta-lattamici

Questi bloccano la capacità dei batteri di tenere insieme la parete cellulare. Quando accade, le cellule iniziano a rompersi in risposta alla loro crescita, e ciò che c’è dentro fuoriesce. Ciò, ovviamente, è fatale per i batteri.

È come aprire le porte di un cantiere e lasciare che tutti i lavoratori se ne vadano. Quando non ci sarà più nessuno a lavorare, alla fine il luogo sarà abbandonato.

2. I macrolidi

I macrolidi arrestano la crescita cellulare attaccando l’RNA, ovvero la parte della cellula responsabile della costruzione di nuove proteine.

Nessuna proteina significa nessuna crescita. Visto che le proteine danno al batterio la possibilità di fare tutto ciò che fanno, essenzialmente i macrolidi li disattivano. Galleggiano senza meta e poi alla fine muoiono.

È come distruggere i macchinari di un cantiere. Nessuno potrà eseguire lavori, e prima o poi il lavoro verrà abbandonato del tutto.

3. I chinoloni

I chinoloni attaccano direttamente il DNA dei batteri.

Il DNA è il progetto della cellula. Se si rompe, la cellula non potrà costruire nulla e di conseguenza morirà rapidamente.

È come entrare in un cantiere e distruggere completamente i progetti. Gli operai cercheranno di continuare a lavorare ma l’edificio sarà costruito in modo errato e probabilmente andrà in pezzi prima che sia finito.

Come i batteri diventano resistenti

La durata della vita di un batterio è molto breve.

Nonostante questo, come per tutti gli organismi sulla terra, sono soggetti alla selezione naturale e ai i cambiamenti evolutivi. Alla fine, questa evoluzione renderà i batteri capaci di resistere agli antibiotici.

Mi spiego.

Ogni volta che un batterio nasce, c’è una piccola possibilità che il DNA abbia una mutazione da qualche parte. Il più delle volte questo cambiamento non comporta nulla.

Di tanto in tanto, però, questa mutazione ha effetto. Può rendere i batteri più forti, altre volte più deboli.

Come? Con la selezione naturale. I batteri più forti hanno migliori chance di sopravvivere, perché trasmettono geni forti alla prossima generazione. Intanto, i batteri più deboli sono in svantaggio, muoiono e portano via con sé i geni “deboli”, cancellandoli dal pool genetico.

Dopo alcuni tentativi ed errori, e nel corso di molte generazioni, queste mutazioni possono potenziare il lavoro dei batteri. Il compito di un batterio, come quello di qualunque essere vivente, è di rimanere in vita abbastanza a lungo da riprodursi.

Come funziona tutto questo per la resistenza ai farmaci?

Immaginiamo di avere 100 cellule batteriche. Sono tutte uguali ma hanno una piccola mutazione nel codice genetico.

Poi le immergiamo negli antibiotici.

La stragrande maggioranza di questi batteri morirà. Uno di loro, però, è riuscito sopravvivere. La sua unica e casuale mutazione lo ha protetto dagli antibiotici. Questo piccolo batterio solitario si riprodurrà generando più copie con la stessa mutazione.

Alla fine, questo batterio costruirà una colonia di milioni di batteri identici, tutti con la stessa mutazione genetica che gli permetterà di resistere agli antibiotici.

Questo è un semplice esempio di come inizia la resistenza ai farmaci. L’unica differenza è che invece di 100 cellule batteriche ce ne sono migliaia di miliardi. E, invece di un solo tipo di antibiotici, ce ne sono dozzine.

Ogni volta che usiamo gli antibiotici, specialmente se li usiamo troppo spesso e senza necessità, aiutiamo i batteri che sono capaci di resisterli. Col passare degli anni, i batteri diventeranno più duri e difficili da sconfiggere.

Come i batteri impediscono agli antibiotici di funzionare

Le mutazioni genetiche che i batteri hanno sviluppato per resistere agli antibiotici possono variare, ma il metodo più comune è effettivamente quello di pompare via l’antibiotico dal batterio, una volta che vi è entrato.

Questo impedisce all’antibiotico di funzionare e uccidere la cellula.

Le pompe dei batteri specializzate in questo sono chiamate pompe di efflusso.

Le pompe di efflusso si trovano nella membrana di molti batteri, ma erano progettate per rimuovere altre sostanze dalle cellule, ad esempio i sottoprodotti metabolici tossici e i neurotrasmettitori.

Con la resistenza ai farmaci, queste pompe si sono adattate e hanno iniziato a pompare anche gli antibiotici.

Questo ci fa finalmente arrivare al vero punto di questo articolo…

Come fanno i cannabinoidi come il CBD a prevenire la resistenza ai farmaci?

Ora che sappiamo come fanno i batteri a diventare resistenti agli antibiotici, possiamo parlare di come i cannabinoidi lo impediscono.

I cannabinoidi hanno una grande varietà di effetti sul corpo umano.

Regolano l’omeostasi attraverso il sistema endocannabinoide, stimolano i recettori della serotonina a provocare il tipico “sballo” e attivano i recettori corporei responsabili del cambiamento dei segnali del dolore.

I cannabinoidi possono inibire anche le pompe di efflusso sui batteri.

Essendo sostanze liposolubili, i cannabinoidi possono riuscire a interagire con le membrane grasse delle cellule batteriche e distruggerle.

Attualmente si stanno effettuando ricerche per accertare questi effetti nelle sperimentazioni umane, e per comprendere meglio il meccanismo specifico che li rende così efficaci.

Quali sono i cannabinoidi migliori?

Uno dei principali studi condotti su questi effetti ha esaminato i 5 cannabinoidi più abbondanti nella pianta: CBD, CBC, CBG, CBN e THC.

È stato scoperto che tutti questi cannabinoidi possono bloccare le pompe di efflusso nei ceppi di Staphylococcus aureus (MRSA) resistenti ai farmaci. Tuttavia, i cannabinoidi non psicoattivi CBD e CBG hanno mostrato i maggiori benefici [2].

La maggior parte delle ricerche attualmente in corso si sta concentrando sulle infezioni della pelle da MRSA.

Queste infezioni sono estremamente diffuse negli ospedali e si stanno rivelando una minaccia globale emergente.

Si stanno testando pomate alla cannabis per uso topico per inibire la crescita di batteri, e consentire agli antibiotici di fare il loro lavoro.

Le aziende cosmetiche stanno anche considerando i cannabinoidi come nuovo conservante da aggiungere ai prodotti per prolungare date di scadenza e impedire la formazione di colonie batteriche.

Come trovare l’olio di CBD che offrirà questi benefici

In Italia, l’olio di CBD è legale.

Quando si acquista un qualsiasi olio di cannabis ci si trova davanti a diverse scelte:

1. Isolati di CBD

Gli isolati di CBD sono estratti della pianta di cannabis che contengono solo CBD.

Tutti i terpeni, le fibre, gli zuccheri e le proteine ​​vengono rimossi per lasciare un estratto di CBD ad alta potenza.

Sebbene possa essere efficace nel trattamento della resistenza agli antibiotici, è improbabile che offra lo stesso beneficio di un prodotto che contiene questi terpeni e altri fitochimici, i quali offrono ulteriori vantaggi per la prevenzione della resistenza agli antibiotici.

2. Olio di canapa a spettro completo

Un olio di canapa a spettro completo è il prodotto più consigliato per ottenere i benefici che inibiscono la resistenza agli antibiotici.

Questo perché i 2 cannabinoidi più forti sono il CBD e il CBG, non psicoattivi, entrambi presenti in alte concentrazioni nella canapa a spettro completo.

Oltre a questi cannabinoidi, in questo estratto si trova anche l’intera composizione fitochimica della pianta. I terpeni, i flavonoidi, i minerali e gli zuccheri vegetali contribuiscono al suo profilo di efficacia.

3. Oli di THC

Gli oli di THC sono disponibili solo negli Stati che hanno legalizzato la marijuana per uso ricreativo. Sono anche disponibili in paesi come il Canada o l’Olanda che vendono legalmente prodotti alla marijuana.

Gli oli di THC contengono spesso uno spettro di cannabinoidi che include CBD, CBG, CBC, CBN e THC, ma sono indicati come oli di THC perché producono effetti psicoattivi.

Se questi prodotti sono disponibili nel luogo in cui ti trovi e accetti di provare gli effetti psicoattivi della pianta, potrebbe essere l’opzione migliore.

dailyCBD-Patologia-resistenza-antibiotica-4

Utilizzare l’olio di CBD per prevenire la resistenza agli antibiotici

Per valutare la dose corretta di olio di CBD (e di altri oli di cannabis) utile a prevenire la resistenza agli antibiotici nei batteri, sono necessarie maggiori ricerche.

La maggior parte della ricerca attuale si concentra sull’utilizzo topico di erbe per il trattamento delle infezioni della pelle da MRSA.

Detto questo, le migliori opzioni sono probabilmente gli oli di CBD a spettro completo, che contengono quanti più cannabinoidi e terpeni della pianta possibili. Per risultati migliori, c’è inoltre bisogno di un dosaggio molto alto e della combinazione con altre terapie.


Riferimenti

  1. Bancroft, E. A. (2007). Antimicrobial resistance: it’s not just for hospitals. Jama, 298(15), 1803-1804.
  2. Appendino, G., Gibbons, S., Giana, A., Pagani, A., Grassi, G., Stavri, M., … & Rahman, M. M. (2008). Antibacterial cannabinoids from Cannabis sativa: a structure-activity study. Journal of natural products, 71(8), 1427-1430.
  3. Adedeji, W. A. (2016). The treasure called antibiotics. Annals of Ibadan postgraduate medicine, 14(2), 56.

Patologie che rispondono al Cannabidiolo