Basato su prove

Olio di CBD a spettro completo vs. isolato di CBD: qual è la differenza?

Qual è la differenza tra l’isolato di CBD e gli estratti a spettro completo? Qui vedremo qual è la vera differenza e ti spiegheremo come scegliere i prodotti giusti per te.

Scritto da
Justin Cooke , pubblicato 2 settimane fa

  • Indice

Esistono due tipi di estratti di CBD: gli isolati contenenti il ​​99% di CBD puro e gli estratti a spettro completo ricchi di CBD e di molti altri cannabinoidi e fitochimici, presenti naturalmente nella pianta di cannabis.

Perché le aziende di CBD li vendono entrambi? Quale dovresti prendere? Perché il prezzo è diverso?

Vedremo tutto ciò che c’è da sapere sugli estratti a spettro completo e sugli isolati di CBD, in modo che tu possa prendere una decisione consapevole che si adatti meglio alle tue esigenze.

Iniziamo.

shutterstock_ spettro completo vs isolato cbd

In evidenza: qual è la differenza tra gli oli di CBD a spettro completo e gli isolati di CBD?

Le differenze tra queste due forme di CBD derivano dal modo in cui è stato prodotto l’estratto. Gli estratti a spettro completo vengono prodotti eliminando tutti i composti medicinali dal contenuto della pianta di cannabis, comprese le fibre, le grandi proteine ​​e le strutture cellulari.

Gli isolati di CBD partono allo stesso modo, ma passano attraverso ulteriori processi per rimuovere tutto tranne il CBD puro.

I due tipi di estratti hanno entrambi pro e contro:

Confronto tra estratti a spettro completo e isolati di CBD

ParametroEstratti a spettro completoIsolati di CBD
Costo generalePiù costosiPiù economici
Gamma di cannabinoidiContengono molti cannabinoidi diversiContengono solo CBD
Contenuto di THCPossono contenere THCÈ improbabile che contengano THC
PotenzaMaggioreMinore
Valore dei benefici sulla salutePossono gestire efficacemente un’ampia gamma di condizioniHanno benefici limitati sulla salute
GustoTendono ad avere un sapore migliore in forma grezza per via del contenuto di terpeniNon hanno sapore, deve essere aggiunto a parte
Effetti collateraliMeno probabilità di produrre effetti collateraliPiù probabilità di produrre effetti collaterali
Effetto entourageQuesti estratti sfruttano l’effetto entourageNessun effetto entourage possibile

Cos’è l’effetto entourage?

L’effetto entourage è un termine usato per descrivere la sinergia benefica naturalmente offerta dalla pianta di cannabis. Tutte le sostanze naturali contenute agiscono insieme per produrre effetti più forti rispetto alla loro azione come isolati.

I cannabinoidi funzionano meglio quando lavorano insieme per creare un risultato armonioso, proprio come un gruppo di strumentisti che suona per un’orchestra. Scegliere un solo strumento non darà risultati paragonabili a quelli di un’orchestra completa.

La sinergia è un concetto ben noto in chimica ed è abbastanza comune tra i medicinali vegetali.

Tienilo a mente mentre discutiamo delle differenze tra gli estratti a spettro completo e gli isolati di CBD. Una delle maggiori differenze tra questi prodotti è la presenza dell’effetto entourage negli estratti a spettro completo.

Leggi la nostra guida all’effetto entourage.

shutterstock_758216617

1. Cos’è il CBD a spettro completo?

La pianta di cannabis contiene centinaia di composti diversi. Un estratto a spettro completo conserva la maggior parte di queste sostanze nel prodotto finale.

Si può affermare che un estratto a spettro completo abbia una migliore “diversità cannabinoide” rispetto a un isolato di CBD puro, o addirittura in confronto ad estratti a spettro pseudo-completo (che tratteremo in seguito).

Realizzazione degli estratti a spettro completo

Durante il processo di produzione, la canapa grezza viene risciacquata con un solvente. In passato era un solvente biologico come butano, alcol o etere. Ora, quasi tutto il procedimento viene svolto attraverso un processo chiamato CO2 supercritica.

Il gas dell’anidride carbonica viene mantenuto a temperature e pressioni specifiche all’interno di un sistema chiuso. Queste misure estremamente precise portano il gas in uno “stato supercritico” in cui non è né un liquido né un gas. Questo conferisce alla CO2 proprietà che le permettono di penetrare la canapa grezza come un gas, e di dissolvere le sostanze da foglie e fiori come un liquido.

La CO2 supercritica è altamente efficiente nell’estrazione di tutti i composti della pianta, compresi i terpeni, i cannabinoidi, i lignani, i flavonoidi e i polifenoli. Una volta completato il processo, il fluido supercritico viene separato e la pressione viene rilasciata. Il gas evapora immediatamente, lasciando dietro di sé tutti i fitochimici della pianta.

Attraverso l’estrazione con CO2, non vi è alcuna possibilità di lasciarsi dietro solventi pericolosi, il che rende questo metodo di estrazione più pulito. A questo punto, poco altro viene fatto per l’estratto a spettro completo. In alcuni casi, l’estratto viene purificato leggermente di più e mescolato con altri lotti per equilibrare le medie dei cannabinoidi tra loro.

Il prodotto finale contiene un equilibrio praticamente identico di tutti i fitochimici prodotti naturalmente nella pianta.

Vantaggi e svantaggi degli estratti di CBD a spettro completo

VantaggiSvantaggi
Sfruttano i benefici dell’effetto entourageLe concentrazioni finali dei cannabinoidi sono spesso imprevedibili e dipendono fortemente dalla fonte della canapa
Sono una forma più olistica di integratori al CBDPossono contenere concentrazioni più elevate di THC
Si possono anche fare a casa utilizzando alcol o altri solventi e piante di canapa essiccateOgni lotto è completamente unico, il che rende più difficile elencare gli importi corrispondenti sulle etichette dei prodotti
Producono meno effetti collateraliGli effetti dei singoli terpeni/combinazioni di cannabinoidi possono rendere difficile prevedere gli effetti

Quando usare gli estratti a spettro completo

In generale, se stai usando il CBD per un disturbo medico, un estratto a spettro completo sarà l’opzione migliore per te.

Gli effetti degli estratti a spettro completo sono più forti e hanno benefici molto più ampi di un isolato, grazie ad altri composti terapeutici abbondanti nella pianta.

Chi dovrebbe usare gli estratti a spettro completo?

  • Le persone che usano il CBD per specifiche applicazioni mediche (come ansia, depressione, morbo di Alzheimer, insonnia o artrite)
  • Persone che preferiscono integratori prodotti con filosofie olistiche
  • Persone a cui non importa spendere un po’ di più per prodotti di qualità superiore
Esempi di prodotti al CBD a spettro completo

Quando evitare gli estratti a spettro completo

Gli estratti a spettro completo non sono per tutti. Sono disponibili a un prezzo più alto, hanno profili di cannabinoidi inconsistenti e spesso contengono almeno un po’ di THC.

Con gli estratti a spettro completo è anche molto più difficile ottenere una dose alta di CBD, rispetto a un isolato concentrato di CBD.

Chi non dovrebbe usare gli estratti a spettro completo?

  • Le persone che cercano di evitare anche piccole quantità di THC
  • Persone con un budget limitato
cannabis spettro completo

2. Cos’è un isolato di CBD?

Un isolato di CBD è esattamente quello che sembra: un estratto in cui il CBD è stato isolato dagli altri costituenti.

Questi estratti purificati rendono più facile per le aziende raggiungere la dose desiderata di CBD nei loro prodotti. Se vogliono produrre un olio di CBD con una potenza di 300 mg, aggiungono semplicemente 300 mg di CBD puro in ogni flacone.

Per gli estratti a spettro completo è molto più difficile perché ognuno avrà livelli diversi di CBD e altri cannabinoidi.

Gli isolati di CBD rendono più facile standardizzare i prodotti in modo che abbiano sempre le stesse concentrazioni di CBD elencate sul flacone, cosa particolarmente difficile da fare con gli estratti a spettro completo.

Realizzazione degli isolati di CBD

Il processo di realizzazione degli isolati di CBD inizia allo stesso modo di quello degli estratti a spettro completo. Una volta prodotto l’estratto, l’ulteriore lavorazione rimuove tutti gli altri composti, il cui risultato finale è un estratto di CBD puro.

Questo processo di isolamento si basa su una procedura chiamata cromatografia, ovvero lo stesso procedimento utilizzato per isolare il THC e molti altri agenti chimici in altri settori [3]. L’estratto viene riscaldato delicatamente e spinto verso l’alto attraverso un cilindro specializzato. Ogni composto ha un peso molecolare diverso e uscirà dall’altra parte in momenti diversi. Gli scienziati sanno qual è il peso molecolare esatto del CBD, quindi possono separare il CBD mentre esce dal cilindro.

Dopo di ciò, l’olio estratto passa attraverso un “processo di winterizzazione” che rimuove ulteriormente eventuali cere e altri materiali vegetali che potrebbero ancora essere presenti dopo il processo di separazione [4].

Il prodotto finale di solito si presenta sotto forma di cristallo (di solito i cristalli si formano solo da sostanze chimiche pure).

Questi cristalli possono poi essere dissolti in qualsiasi forma il produttore desideri realizzare i prodotti.

Vantaggi e gli svantaggi degli isolati di CBD

VantaggiSvantaggi
È facile ottenere concentrazioni accurate di CBD nei prodotti quando si utilizzano gli isolati CBDMancano i benefici dell’effetto entourage della cannabis
Tendono ad essere più economici rispetto ai prodotti a spettro completoHanno più probabilità di causare effetti collaterali rispetto agli estratti a spettro completo
I produttori possono garantire che non ci sia THC nei prodottiNon produrranno tanti benefici per la salute quanto un prodotto a spettro completo

Quando usare gli isolati

Gli isolati di CBD sono più comuni degli oli a spettro completo, e per una buona ragione. I produttori che utilizzano gli isolati possono garantire che i loro prodotti non contengano il THC psicoattivo, e ciò rende molto più facile per loro standardizzare i prodotti a un determinato contenuto di CBD.

Ciò riduce i costi e rende gli effetti degli oli più affidabili.

Chi dovrebbe usare gli isolati di CBD?

  • Persone che cercano prodotti al CBD convenienti ed efficaci
  • Persone che vogliono evitare di assumere anche piccole quantità di THC
  • Persone che cercano la dose più alta possibile di CBD
Esempi di prodotti al CBD realizzati con isolati

Quando evitare gli isolati

Gli isolati di CBD sono tutt’altro che perfetti. Sono privi di moltissima dell’intensità che i prodotti a spettro completo sono in grado di fornire attraverso i cannabinoidi, i terpeni e gli altri profili fitochimici aggiuntivi. In termini di benefici per la salute, ciò li rende meno completi rispetto ai loro omologhi a spettro completo.

Chi non dovrebbe usare gli isolati CBD?

  • La maggior parte delle persone che usano il CBD per uno specifico problema di salute
  • Persone che preferiscono prodotti olistici per la salute
cristalli-isolato-cbd

3. Cosa sono gli estratti a spettro pseudo-completo?

Esiste una terza classe di estratti di CBD, sebbene i confini tra questi prodotti siano confusi.

Gli estratti a spettro pseudo-completo sono in realtà degli isolati mescolati insieme per cercare di imitare i livelli naturali dei cannabinoidi contenuti nella pianta.

I produttori potranno prendere gli isolati di CBD, CBC, CBG, CBN e vari altri cannabinoidi e terpeni, e mischiarli per produrre un profilo più “naturale”.

Questi prodotti sono una via di mezzo tra i veri e propri estratti a spettro completo e gli isolati. Non forniranno lo stesso livello di sinergia di un estratto a spettro completo, ma offrono una maggiore diversità chimica rispetto agli isolati, pur mantenendo il costo inferiore e processi di produzione più coerenti.

Domande frequenti

1. Se lo spettro completo contiene THC, sperimenterò effetti stupefacenti?

Gli estratti a spettro completo dichiarano sempre se contengono tracce (meno dello 0,03%) o quantità superiori di THC. Le tracce contenute in dosi regolari non produrranno “sballo”: la dose è troppo bassa.

Ci sono tracce di alcol nel kombucha, eppure, le persone lo consumano senza ubriacarsi. Questo perché le proprietà intossicanti degli ingredienti sono estremamente difficili da ottenere quando si tratta solo di tracce, proprio come nel CBD a spettro completo con bassi livelli di THC.

Naturalmente, è anche possibile ottenere un estratto di marijuana a spettro completo che contenga dosi psicoattive di THC, ma costituisce un prodotto completamente diverso e non è venduto come olio o estratto di “canapa”.

Per classificarsi legalmente come “canapa”, la pianta naturale deve contenere meno del 0,03% di THC pesata a secco. Qualsiasi quantità che vada oltre classificherà la pianta come marijuana, illegale in quasi tutto il mondo.

Se sei preoccupato per gli effetti stupefacenti del tuo olio di CBD, non esserlo. Fintanto che il flacone contiene lo 0,03% di THC, non ci saranno effetti psicoattivi.

2. Come posso distinguere gli estratti a spettro completo dagli isolati di CBD?

Ora che hai deciso quale estratto comprare, come fai a distinguere tra i due?

La maggior parte delle aziende pubblicizza solo i contenuti di CBD, tralasciando la quantità degli altri cannabinoidi o la loro assenza.

Anche se la maggior parte delle aziende ti dirà nella descrizione del prodotto se esso è realizzato da estratti a spettro completo o da un isolato, alcune sono molto meno trasparenti.

Se non riesci a trovare la risposta nella pagina di descrizione del prodotto, il modo definitivo per scoprirlo è guardare i risultati dei test di laboratori esterni.

Lascia che ti spieghi come funziona.

Ecco un esempio basato su un olio di CBD a base di isolato (Kat’s Naturals) e un olio di CBD della stessa potenza ottenuto da un estratto a spettro completo (Nuleaf Naturals).

Iniziamo con il prodotto realizzato con un isolato di CBD:

Il primo prodotto, di Kat’s Naturals Heal, non dichiara di derivare da un isolato. Molte aziende non lo dicono perché in genere è considerato un punto negativo.

Il flacone dichiara solo il contenuto di CBD, ma questo non significa che non contenga altri cannabinoidi.

L’unico modo per verificarlo è guardare i risultati di laboratorio forniti da terze parti per quel prodotto. Diamo un’occhiata:

kats-naturals-coa

Hai notato che l’unico cannabinoide registrato sul test è il CBD? Ciò conferma che questo prodotto è fatto di isolati di CBD.

Ora vediamo l’esempio del prodotto a spettro completo:

Nuleaf Natural sta dichiarando che il suo prodotto è un olio a spettro completo. Anche in questo caso, è perché la maggior parte delle persone lo vede come un punto in più per la vendita. Se una società si impegna ad affrontare i problemi relativi a un estratto a spettro completo, la pubblicizzerà il più possibile.

Per confermarlo, possiamo comunque dare un’occhiata ai risultati dei test del laboratorio esterno:

nuleaf-naturals-coa

Hai notato che ci sono tanti altri cannabinoidi in questo test?

Come trovare i test di laboratori esterni

Se non riesci a trovare i test, prova questo trucco attraverso una ricerca su Google.

Digita quanto segue nella barra di ricerca di Google:

“Sito: [sito web-azienda] + certificato di analisi (certificate of analysis)”

Nel caso dei nostri esempi, le ricerche che abbiamo fatto erano di questo tipo:

“Sito: https://nuleafnaturals.com certificate of analysis”

E

“Sito :https://katsnaturals.com certificate of analysis”

Questo dovrebbe aiutarti a trovare la pagina web che l’azienda utilizza per pubblicare i risultati di laboratorio (a volte queste aziende non lo rendono facile, devi scavare per trovarli).

Nota a margine: se non riesci a trovare il certificato di analisi per un’azienda che stai analizzando, passa a un’altra. I test di laboratori esterni sono l’unica vera forma di garanzia della qualità in un settore così privo di regolamentazione.

Riepilogo: meglio un isolato di CBD o un estratto a spettro completo?

Entrambi hanno alcuni ottimi vantaggi e applicazioni, ma tutto si riduce a ciò che speri di ottenere dal prodotto.

Vuoi associare il CBD ad altri prodotti?

Odi il sapore della canapa?

Quanto vuoi spendere?

Vuoi sapere esattamente quanto CBD stai assumendo?

Quando si sente parlare di benefici medicinali miracolosi, è spesso per via dei cugini cannabinoidi, antiossidanti e terpeni che si trovano nella pianta di canapa. Il CBD funziona meglio quando coesiste con il resto delle sostanze contenute. Eliminando tutti gli altri composti, la centrale energetica medicinale alla base dell’estratto inizia a soffrire.

Le persone spesso dimenticano di valutare quale sia il contenuto di flavonoidi, terpeni, polifenoli e cannabinoidi minori nei loro estratti di CBD.

Detto ciò, non dimenticare che la struttura fisiologica di ognuno è diversa. È del tutto possibile che il tuo corpo reagisca meglio all’isolato di CBD piuttosto che allo spettro completo.


Riferimenti

  1. Russo, E. B. (2011). Taming THC: potential cannabis synergy and phytocannabinoid‐terpenoid entourage effects. British journal of pharmacology, 163(7), 1344-1364.
  2. Chen, A (2017) Some of the Parts: Is Marijuana’s “Entourage Effect” Scientifically Valid? Scientific American
  3. Gorman, P. M., & Jiang, H. (2004). Isolation methods I: thin-layer chromatography. In Separation Science and Technology (Vol. 5, pp. 203-230). Academic Press.
  4. Bjorn Krantz, W. (2017). U.S. Patent Application No. 15/151,327.

Letture consigliate

Letture consigliate