Basato su prove

Nano-tecnologia del CBD: pseudoscienza o innovazione?

Se hai passato del tempo a setacciare i prodotti al CBD, potresti aver sentito i termini “nano CBD” o “CBD idrosolubile”. Cosa significa? Funzionano davvero?

Scritto da
Andrea Nestoroska , pubblicato 6 mesi fa

  • Indice

Il nano CBD può davvero essere assorbito nel flusso sanguigno più velocemente del CBD normale?

L’industria del CBD si spinge costantemente oltre i limiti, questa volta con la nanotecnologia del CBD. Considerato il “termine alla moda” più recente, alcuni credono ciecamente ai benefici del nano CBD, mentre altri pensano che sia un mito. Apparentemente, il nano CBD è il metodo più innovativo per aumentare l’assorbimento del CBD nel flusso sanguigno.

Ma cosa dice la scienza? È possibile che il nano CBD finisca nel flusso sanguigno in quantità maggiore rispetto al normale CBD? Cosa ancora più importante, il nano CBD è sicuro?

Vediamo più in dettaglio.

Cos’è il Nano CBD?

La nanotecnologia è l’applicazione “di cose estremamente piccole” su scala nanometrica – da 1 a 100 nanometri. La nanotecnologia è piuttosto diffusa in medicina, in prodotti di bellezza, biomateriali, robotica, e ora nei composti organici come il CBD.

Alcune aziende si riferiscono al nano CBD come “CBD idrosolubile”, ma questo termine non è scientificamente corretto. Nessun tipo di CBD è solubile in acqua, è solo che le dimensioni inferiori delle molecole possono apparire idrosolubili su macroscala. Di seguito vedremo come funziona più in dettaglio.

                                                        (Fonte: Folium Biosciences)

La biodisponibilità del CBD

Se da un po’ sei un appassionato di CBD, sai già che ha un basso tasso di biodisponibilità.

Cos’è la biodisponibilità? La biodisponibilità di una sostanza è la velocità e il livello con cui entra nel flusso sanguigno per produrre un effetto attivo.

Il tasso di biodisponibilità di una sostanza dipende da diversi fattori, tra cui il metodo di assunzione. Ad esempio, l’assunzione orale di CBD ha una percentuale di biodisponibilità medio-alta del 20%, e una percentuale medio-bassa del 4%. Quindi, se consumi 100 mg di CBD, solo il 20% di esso (20 mg) finirà nel flusso sanguigno producendo un effetto attivo [1].

La vaporizzazione ha uno dei tassi di biodisponibilità più alti, tra il 34-46% [2].

Visto che l’assunzione orale è così leggera, e che la vaporizzazione è pesante per i polmoni, i consumatori sono alla ricerca di una via di mezzo. Per alcuni, questa è rappresentata dal nano CBD.

Perché il Nano CBD funziona meglio del normale CBD?

Il motivo per cui i produttori e i consumatori di CBD si sono interessati al nano CBD è la natura del composto stesso. Il CBD è una molecola idrofobica, il che significa che non si mescola con l’acqua.

Oltre ad essere idrofobici, i cannabinoidi come il CBD sono anche lipofili, ovvero si combinano o si dissolvono in lipidi o grassi. Pertanto, le molecole di CBD non si legano naturalmente con le molecole di acqua. Questo è il motivo per cui la biodisponibilità è così bassa.

Pensala in questo modo, la bocca e il tratto digestivo sono fatti d’acqua, mentre il CBD è oleoso. Poiché l’acqua e l’olio non si mischiano, la maggior parte delle particelle di CBD restano nascoste nelle goccioline finché non vengono completamente digerite.

Inoltre, a causa del “metabolismo di primo passaggio”, una grande percentuale del CBD ingoiato viene processata e scomposta nell’intestino. Al termine di tutti questi processi, rimane solo una piccola percentuale di CBD da assorbire nel flusso sanguigno.

Ma, quando le particelle di CBD diventano abbastanza piccole (nano), sembrano e agiscono come una sostanza disciolta. Ecco perché vengono chiamate “CBD idrosolubile”, un termine usato solo a scopo di marketing. Il CBD, infatti, non perde la sua natura idrofobica diventando idrosolubile. Il composto segue ancora il percorso di assorbimento del grasso ma viene distribuito sotto forma di minuscole particelle.

È più facile per il corpo digerire e assorbire dall’olio i nutrienti scomposti in minuscole gocce. Questo perché le gocce di olio più piccole hanno un maggiore contatto superficiale con gli enzimi del corpo e il tessuto assorbente, aiutando il corpo ad assorbire prima le molecole di CBD.

Il corpo deve ancora processare ulteriormente il CBD affinché sia distribuito completamente nel flusso sanguigno, al contrario delle molecole davvero idrosolubili che possono essere utilizzate fin da subito.

                                     (Fonte: BigSkyBotanicals)

Uno studio del 2016, pubblicato sull’European Journal of Pharmaceutics and Biopharmaceutics, ha esaminato l’efficacia dei farmaci a base di cannabinoidi quando incapsulati. I ricercatori hanno utilizzato un metodo per incapsulare i farmaci a base di cannabinoidi in carrier lipidici nanostrutturati (NLC).

I carrier lipidici nanostrutturati (NLC) sono un sistema di trasporto di farmaci più intelligente composto da materiali lipidici fisiologici, biodegradabili e biocompatibili. I NLC vengono utilizzati per applicazioni farmaceutiche attraverso vari percorsi di somministrazione di farmaci, ad esempio orali, topici, oculari, ecc. [3].

In breve, l’incapsulamento di un farmaco con NLC può aiutare ad aggirare complicati problemi di assorbimento, aumentare la biodisponibilità attiva, ridurre la degradazione e indirizzare la consegna attiva dei tessuti.

Questo sistema di trasporto consente molteplici vie di somministrazione e offre un’efficacia terapeutica avanzata e la sicurezza per farmaci più difficili da somministrare.

I ricercatori hanno scoperto che “sono presentati recupero di NLC, morfologia, distribuzione dimensionale ed efficienza dell’incapsulamento.  Ciò significa che le particelle di CBD più piccole vengono assorbite dal flusso sanguigno in modo più efficiente rispetto alle particelle di CBD di dimensioni regolari [4].

Cosa dice la ricerca sul nano CBD

Se prodotto correttamente, l’olio di nano CBD può aumentare i livelli di CBD che entrano nel flusso sanguigno. Sebbene la ricerca sia limitata, ecco cosa dice la scienza sul nano CBD.

Un studio promettente del 2018 pubblicato sul Journal of Pharmaceutical Sciences ha esaminato la biodisponibilità del Sativex rispetto a una nanoemulsione di CBD/THC in volontari maschi sani. Gli autori dello studio hanno notato un aumento dell’assorbimento complessivo della nanoemulsione [5].

Uno studio del 2017 pubblicato sul Journal of Controlled Release ha confrontato la biodisponibilità di una nanoemulsione di piperina al CBD/THC con Sativex, uno spray oromucosale al THC/CBD approvato, in volontari sani. Lo studio ha mostrato un aumento significativo dell’assorbimento di THC e CBD rispetto al Sativex, ma va notato che la nanoemulsione conteneva anche la piperina, un potenziatore dell’assorbimento naturale [6].

Un altro studio del 2016 pubblicato sul Journal of Drug Development and Industrial Pharmacy ha esaminato le nanoparticelle lipidiche come piattaforma per la distribuzione di cannabinoidi. Lo studio si è concentrato sullo sviluppo di un vettore prezioso per la veicolazione orale per un derivato dei cannabinoidi, il CB13. Secondo gli autori dello studio, questo derivato presenta un potenziale terapeutico per alcuni stati di dolore cronico che rispondono poco agli analgesici convenzionali. La formulazione lipidica utilizzata in questo studio si è rivelata un promettente vettore per l’assunzione orale del derivato [7].

Ciò significa che le nanoparticelle possono essere una risorsa efficace per la distribuzione dei cannabinoidi nei tessuti bersaglio, e alleviare gli stati di dolore che non rispondono alla medicina convenzionale.

Quali sono i rischi del Nano CBD?

Il nano CBD è promettente, ma è necessaria ancora molta ricerca, specialmente quando si tratta della sicurezza di questi prodotti.

Il Dottor Pratap Singh, professore assistente all’Università della British Columbia, ha affermato che la nano-incapsulazione “dovrebbe richiedere più studi clinici” e “test più rigorosi se la dimensione è inferiore a 50 o 20 nanometri”. Questo avvertimento è stato emesso perché le nanoparticelle possono entrare nelle cellule umane e accumularsi in vari organi, causando potenzialmente infiammazione e danni ai tessuti.

Un rapporto sulla nanotecnologia dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) ha discusso i rischi e i benefici derivanti dall’uso della nanotecnologia in relazione alla gravidanza.

Il rapporto sottolinea che: “non è chiaro se le nanoparticelle possano passare dal corpo di una donna incinta attraverso la placenta al bambino non ancora nato”.

Man mano che le particelle si ridimensionano, le particelle piccole iniziano a comportarsi in modo molto simile alle particelle più grandi. Tuttavia, man mano che diventano ancora più piccole, fino a qualche centinaio di nanometri, mostrano alcune proprietà diverse dalle particelle di normali dimensioni, ad esempio passano attraverso gli spazi vuoti che prima non potevano attraversare, e raggiungono tessuti che prima non ci si aspettava.

Queste piccole particelle possono entrare in diversi tipi di tessuti, oltre a quelli a cui mirano.

Tuttavia, il Dottor Singh ha consigliato ai consumatori di preoccuparsi di più che un prodotto sia stato fabbricato in modo sicuro e che non sia tossico, piuttosto che sia o meno fatto di nanoparticelle.

Riassunto: il Nano CBD è più efficace del CBD normale?

La ricerca è scarsa ma promettente: il nano CBD viene assorbito nel corpo in modo più efficiente.

Per i consumatori, questo significa che quando usano il nano CBD ottengono di più da quantità minori.

Tuttavia, c’è ancora tanta ricerca da fare, e gli utenti di CBD dovrebbero stare attenti quando scelgono un marchio di nano CBD. Usare il nano CBD ha comunque dei potenziali rischi, ma non possiamo esserne sicuri fino a quando non verranno condotte ulteriori ricerche.

I marchi che vendono prodotti a base di nano CBD tendono a promettere troppo pur di vendere. Quindi, assicurati di cercare un’azienda che effettui rigorosi test di laboratori esterni e si tenga aggiornata con le ricerche attuali nell’ambito del nano CBD. 

Migliori prodotti al Nano CBD


Riferimenti

  1. Huestis, MA (2007). Farmacocinetica dei cannabinoidi umani. Chimica e biodiversità, 4(8). doi: 10.1002 / cbdv.200790152
  2. Paudel, K. (2010). Biodisponibilità del cannabidiolo dopo applicazione nasale e transdermica: effetto dei potenziatori della permeazione. Drug Development and Industry Pharmacy, 36(9). doi: 10.3109 / 03639041003657295.
  3. Esposito, E. (2016). Incapsulamento di farmaci cannabinoidi in portatori lipidici nanostrutturati. Giornale europeo di farmaceutica e biofarmaceutica, 102, 87–91. doi: https://doi.org/10.1016/j.ejpb.2016.03.005
  4. Atsmon, J. (2018). PTL401, una nuova formulazione basata sulla tecnologia di dispersione Pro-Nano, migliora la biodisponibilità dei cannabinoidi orali in volontari sani. Journal of Pharmaceutical Sciences, 107(5). doi: 10.1016 / j.xphs.2017.12.020.
  5. Cherniakov, I. (2017). Piperine-nanoliposfere come nuovo sistema di rilascio orale di cannabinoidi: valutazione farmacocinetica in volontari sani rispetto alla somministrazione di spray orale. Journal of Controlled Release: Gazzetta ufficiale della Controlled Release Society, 266, 1–7. doi: 10.1016 / j.jconrel.2017.09.011.
  6. Iqbal, M. (2012). Sistema di trasporto lipidico nanostrutturato: recenti progressi nella consegna dei farmaci. Journal of Drug Targeting, 20(10), 813–30. doi: 10.3109 / 1061186X.2012.716845
  7. Duran-Lobato, M. (2016). Nanoparticelle lipidiche come piattaforma emergente per l’erogazione di cannabinoidi: ottimizzazione fisico-chimica e biocompatibilità. Sviluppo di farmaci e farmacia industriale, 42(2), 190–8. doi: 10.3109 / 03639045.2015.1038274.

Letture consigliate

Letture consigliate